@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Evidenze per investire

2021-03-25 11:32

Fulvio Marchese

Evidenze per investire

La maggioranza degli Investitori per investire inverte purtroppo il percorso:

Pubblicato il 16/03/2021 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

schermata2021-03-25alle12-30-19-1616671854.png

Evidenze/Studio - Esperienza - Intuizioni

 

Questa sequenza porta alla diversificazione, alle decorrelazioni, alla costruzione di un portafoglio robusto basato su statistiche, allo studio ed alla comprensione del processo di ribilanciamento, allo studio delle regressioni alla media degli asset... e ad ottimi risultati di lungo periodo sopravvivendo alla volatilità di breve dei singoli asset grazie ad un processo disciplinato.

Per attivare, in generale, il "Sistema 2" del nostro cervello (D. Kanemhan - Pensieri lenti e veloci) occorre riflessione (e possibilmente studio).

Partendo dalle "evidenze" concrete, sulla base di esse può fare "esperienza" (approfondendo studio e casistiche) per giungere persino ad "intuizioni" (che non sono previsioni) che si rivelano, talvolta, persino corrette...

La maggioranza degli Investitori per investire, appunto, inverte purtroppo il percorso:


Intuizioni - Esperienza - Evidenze ...

Partendo dalle intuizioni (sistema 1 del cervello), si fa esperienza su queste e si traggono, purtroppo, evidenze sbagliate (ponendosi quesiti sbagliati ed ottenendo risposte non corrette!).

Ogni "percorso" crea ovviamente le convinzioni di ognuno: ecco che chi fa trading è convinto di far bene, chi utilizza il trend following lo stesso, chi costruisce portafogli con fondi o certificates anche... HA SEMPRE FATTO COSI' partendo da intuizioni (e insegnamenti) sbagliati per catturare le performances dei mercati di lungo termine che raramente si riescono a battere con resilienza.

Parlo sulla mia pelle: per 40 anni ho affinato processi di lavoro, nella costruzione dei portafogli, che credevo corretti (fund selection, trend following etc etc...).

Una decina di anni fa ho cominciato a studiare le evidenze: chi o cosa creano PERFORMANCES DI LUNGO TERMINE in finanza? Porsi la domanda e cercare la risposta porta, inevitabilmente, se si è curiosi, alla verifica (e successivo confronto) delle performances PROPRIE ottenute in passato. Per fare questo occorre L'ASSESSING che riclassifica ogni percentuale di rischio speso nel portafoglio nel corretto segmento di rischio per metterlo nel giusto confronto con un "rischio/indice" asettico di mercato.

Alla fine? Si capiscono molte cose: molti errori commessi in passato e da che parte sta la ragione per utilizzare un processo corretto negli investimenti.

p.s.: It's not easy! Ma tra il dire e il fare... basta cominciare! 

Credetemi: molto meno del 33% del sondaggio di Mangiulli ho incontrato che conoscono le VERE performances dei loro investimenti da quando li hanno incominciati. Mi viene in mente proprio LO ZERO... fino a quando non ho calcolato l'IRR dei portafogli creati da me dal 1986 (e ho capito, non positivamente, i miei errori di impostazione, facendo gli assessments... )


https://ofdollarsanddata.com/being-honest-about-your.../

Thanks


https://www.linkedin.com/.../marco-bigliardi-48032456...

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder