@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Previsioni dei mercati per il 2021

2021-02-06 01:31

Fulvio Marchese

Previsioni dei mercati per il 2021

(traduzione Google Chrome articolo WSJ)

Pubblicato il 28/12/2020 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

schermata2021-02-06alle01-31-14-1612571508.png

(traduzione Google Chrome articolo WSJ)

Se vuoi sapere dove andrà a finire il mercato azionario tra un anno, mi dispiace, non posso aiutarti.

Nemmeno gli strateghi del mercato azionario di Wall Street possono farlo.

La differenza è che non cerco di prevedere i movimenti del mercato azionario.

Prevedere il futuro va oltre la mia competenza. E non sono solo io. La prova schiacciante di decenni di ricerca accademica è che nessuno può prevedere in modo affidabile e accurato cosa farà il mercato azionario. Le previsioni a breve termine, comprese le previsioni su dove sarà il mercato tra un anno, sono un gioco da ragazzi.

Eppure Wall Street è di nuovo lì. Gli strateghi stanno rilasciando carichi di previsioni che pretendono di rivelare esattamente dove sarà il mercato alla fine del 2021.

Questi pronosticatori sono persone intelligenti e spesso hanno cose interessanti da dire su ciò che è già accaduto nei mercati e nell'economia. Ma per quanto riguarda la previsione del futuro, il record di Wall Street è notevole per la sua inettitudine.

Non posso criticare nessuno per non aver saputo in anticipo quanto sarebbe stato doloroso e strano il 2020. Nemmeno io l'ho visto (e se conosci un modo per rifare questo intero anno, per favore contami).

Ma non faccio previsioni. Wall Street lo fa e ha dimostrato, senza ombra di dubbio, che non aveva idea di dove stessero andando le cose.

Considera alcuni dettagli del track record dei meteorologi del mercato azionario nell'ultimo anno, compilato da Bloomberg.

A dicembre 2019, il consenso medio su Wall Street era che l'S & P 500 sarebbe cresciuto del 2,7% nell'anno solare 2020. Al momento, l'obiettivo è troppo basso: venerdì il mercato è cresciuto di quasi il 15% per l'anno. Si tratta di un errore di previsione di oltre 12 punti percentuali, molto maggiore della stima dell'aumento del mercato per l'intero anno.

Quanto è brutta una previsione? È come se ti dicessero che nevicherà 2,7 pollici appena prima che una bufera di neve scarichi 15 pollici sulla tua città.

L'estensione dei sussidi federali senza lavoro potrebbe non impedire una breve scadenza.
La frustrazione aumenta nei porti britannici per lo sgombero di migliaia di camion.
Come la fattura degli aiuti cambia il programma dei buoni alimentari.
Sarebbe stato già abbastanza grave, ma quando il mercato azionario è crollato a febbraio e marzo, i meteorologi non se ne sarebbero andati abbastanza male. Ad aprile, il sondaggio di Bloomberg ha mostrato che i meteorologi avevano previsto che l'S & P 500 non sarebbe aumentato affatto per quest'anno solare: hanno detto che il mercato sarebbe sceso dell'11% circa. Ma il mercato aveva iniziato a salire il 23 marzo, giorno in cui la Fed è intervenuta per arginare il panico. Gli strateghi non sono riusciti a registrare il cambio di direzione. Se avessi investito, in base alle loro previsioni, ti saresti perso un grande mercato rialzista.

Ops. Venerdì, quella previsione di consenso "corretta" era sfasata di ben 26 punti percentuali.

Sarebbe ingiusto mettere in luce le previsioni per questo bizzarro anno se il record in passato fosse stato impressionante, ma non è così.

Tali previsioni selvaggiamente errate sono state la norma dal 2000, ho scoperto, dopo aver esaminato le previsioni annuali mediane sulle azioni fatte dagli analisti di Wall Street ogni dicembre. Paul Hickey, co-fondatore di Bespoke Investment Group, ha aggiornato i dati che ha compilato lo scorso anno.

I numeri mostrano che dal 2000, l'analista mediano di Wall Street ha previsto che l'S & P 500 crescerà in media del 9,5% all'anno. In realtà, l'aumento annuale è stato in media del 6% all'anno.

Questo divario di 3,5 punti percentuali, o spread, è considerevole di per sé, ma uno sguardo più attento mostra che sottovaluta enormemente quanto fossero terribili le previsioni invariabilmente rialziste.

Ogni dicembre, dal 2000, la previsione mediana non ha mai richiesto un calo del mercato azionario nel corso dell'anno solare successivo. Ma il mercato è caduto in sei anni separati in quel periodo, o circa il 29% delle volte. (È più o meno in linea con la media del mercato azionario a lungo termine: Vanguard ha scoperto che dal 1926 al 2019, il mercato azionario è sceso nel 27% degli anni solari.)

Nel 2018, ad esempio, il mercato è sceso del 6,9%, anche se i meteorologi hanno affermato che sarebbe aumentato del 7,5%, uno spread di 14,4 punti percentuali. Nel 2002, la previsione prevedeva un aumento del 12,5 per cento, ma le azioni sono scese del 23,3 per cento, uno spread di quasi 36 punti percentuali.

Nel complesso, se si tiene conto di divari del genere, la previsione mediana di Wall Street dal 2000 al 2020 ha mancato il suo obiettivo di una media di 12,9 punti percentuali, che era più del doppio della performance media annuale effettiva del mercato azionario.

Anno dopo anno, queste previsioni sono accurate quasi quanto quelle di un meteorologo che chiede sempre un sole mite in una città dove piove o nevica circa il 30% delle volte. Alcune previsioni!

Il signor Hickey ha detto cortesemente: "Il fatto che lo spread medio tra le previsioni degli analisti e l'andamento effettivo del mercato in quell'anno sia superiore a 12 punti percentuali, penso, è piuttosto schiacciante, di per sé." Quando gli strateghi sono così fuori bersaglio, ha aggiunto: "A cosa serve l'obiettivo in primo luogo?"

Direi che questi obiettivi sono privi di valore e eviterei le scommesse sul mercato azionario basate su valutazioni "esperte" di dove il mercato si sta dirigendo giorno per giorno o addirittura anno dopo anno.

Può sembrare triste, ma anch'io rimango sostanzialmente ottimista sul mercato azionario nel lungo periodo. Poiché il mercato è aumentato molto più frequentemente di quanto non sia caduto, per molti decenni, penso che sia ragionevole, anche se rischioso, fare scommesse a lungo termine sull'aumento in futuro. Alla base di questa valutazione c'è il presupposto che, nonostante i tipi di tragedie e battute d'arresto che abbiamo visto quest'anno, l'economia mondiale continuerà a crescere e le società pubbliche realizzeranno profitti che fluiranno nelle mani degli investitori.

Questo è il motivo per cui ho continuato a investire denaro in azioni - oltre che in obbligazioni - durante questo periodo di pandemia, dislocazione economica e lotta sociale e politica. Sto investendo, come sempre, in un portafoglio ben diversificato ea basso costo composto principalmente da fondi indicizzati che riflettono la performance del mercato finanziario globale.

Lo sto facendo anche se sono turbato dalle vette vertiginose che il mercato ha raggiunto ultimamente. Non mi sento a mio agio con le valutazioni attuali, ma ho rinunciato al tempismo del mercato o alla scelta di singoli settori o azioni. Ci saranno dei brutti momenti con brutte perdite in vista, ma a lungo termine, mi aspetto che andrà tutto bene.

Non è una gran previsione, ma è il meglio che posso fare.
https://www.nytimes.com/.../stock-market-forecasts-wall... 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder