@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

I mercati finanziari sono costruiti per poter far comprare quello che si vuole

2021-02-05 18:25

Fulvio Marchese

I mercati finanziari sono costruiti per poter far comprare quello che si vuole

I mercati finanziari sono costruiti dagli intermediari e gli intermediari vendono sia i prodotti che la consulenza per comprarli e gestirli.

Pubblicato il 19/10/2020 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

schermata2021-02-05alle19-25-13-1612549546.png

I mercati finanziari sono costruiti dagli intermediari e gli intermediari vendono sia i prodotti che la consulenza per comprarli e gestirli.

Un consulente finanziario certe cose le deve sapere, se desidera fare gli interessi dei propri clienti prima di quello degli intermediari.

Non mi spiace se infrango opinioni consolidate sbagliate. Le evidenze sono chiare: basta studiarle.

Traduzione Google Chrome di questo link


https://www.evidenceinvestor.com/noone-consistently.../


La maggior parte di noi conosce consulenti finanziari o consulenti per gli investimenti che affermano di avere la capacità di scegliere fondi vincenti. Ma possono davvero farlo?

Un nuovo studio aggiunge a un corpo già considerevole di prove che la risposta è "No". Inoltre, le ultime ricerche suggeriscono che quando quei professionisti sostituiscono un fondo nel portafoglio del cliente con un fondo che pensano supererà, il nuovo fondo tende a fare il contrario.

Ovviamente non dovremmo essere troppo sorpresi. Solo una piccola parte dei fondi - il consenso accademico è compreso tra l'uno e il due per cento - ha costantemente battuto il mercato su una base adeguata ai costi e al rischio nel lungo termine.

Ma date le dimensioni del settore degli investimenti, potresti aver pensato che ci devono essere alcune persone là fuori con almeno un certo grado di abilità nella selezione dei fondi.

Lo studio di cui sopra si chiama Choosing Investment Managers . I suoi autori sono Amit Goyal dell'Università di Losanna, Sunil Wahal dell'Arizona State University e M. Deniz Yavuz della Purdue University in Indiana.

Goyal, Wahal e Yavuz (GWY) hanno studiato circa 7.000 decisioni prese da più di 2.000 sponsor di piani pensionistici statunitensi tra il 2002 e il 2017, coinvolgendo 1,6 trilioni di dollari in fondi e 775 gestori di fondi. In ogni caso hanno confrontato la performance successiva dei gestori di fondi che sono stati assunti con gestori che investono nella stessa classe di attività e regione e con uno stile di investimento simile.



I manager assunti hanno sottoperformato
Quello che hanno scoperto è che i rendimenti post-assunzione per i gestori di fondi scelti erano significativamente inferiori a quelli dei gestori che non erano stati scelti.

Ma più interessante è la loro analisi del motivo per cui sono stati scelti determinati fondi.

Principalmente, hanno scoperto che c'erano due fattori principali nella selezione del fondo: i rendimenti prima dell'assunzione e le connessioni personali tra il personale del piano, o il consulente che consiglia il piano e la società di gestione del fondo.



Resi pre-assunzione
Nonostante i continui richiami al fatto che le prestazioni passate non prevedono le prestazioni future, è risaputo che gli investitori continuano ad agire come se lo facessero e che questo comportamento irrazionale si estende anche ai professionisti degli investimenti. Ciò è certamente confermato dai risultati del GWY.

I ricercatori hanno trovato chiare prove di inseguimento delle prestazioni. Prima dell'assunzione , il rendimento complessivo a tre anni dei fondi assunti era superiore del 3,34% rispetto all'opportunità stabilita. Ma dopo l'assunzione , la differenza media di rendimento di tre anni era −0,85%.

La sottoperformance post-assunzione è stata particolarmente marcata tra i gestori di fondi azionari, con una differenza nei rendimenti in eccesso cumulativi a tre anni di −1,13%. Nel reddito fisso, la differenza equivalente nei rendimenti era solo dello 0,02%.



Collegamenti personali
I ricercatori hanno quindi rivolto la loro attenzione all'influenza delle connessioni personali sulle decisioni di assunzione. Utilizzando i dati di Relationship Science, un database che misura le relazioni professionali, hanno scoperto che i gestori di fondi con collegamenti a gestori di piani o consulenti hanno tra il 15% e il 30% di probabilità in più di essere assunti rispetto ai gestori senza collegamenti.

Potresti pensare che non sia una brutta cosa. Dopotutto, i consulenti potrebbero in teoria usare le loro conoscenze e conoscenze personali per assumere gestori di denaro che ritengono forniranno i migliori rendimenti. Ma non è così che funziona in pratica.

Per citare gli autori del rapporto, "i rendimenti post-assunzione delle aziende con relazioni sono, nella migliore delle ipotesi, indistinguibili da quelli senza relazioni e spesso significativamente peggiori".

Nei tre anni successivi all'assunzione, i gestori di fondi connessi hanno sottoperformato i concorrenti non assunti in media dell'1,12% all'anno.



Vantaggi ineguali
GWY riassume le loro scoperte come segue:



“Una lettura cauta dell'evidenza complessiva suggerisce che non ci sono rendimenti in eccesso positivi per la selezione basati su prestazioni o connessioni precedenti. Ma ci sono una serie di test in cui i rendimenti in eccesso post-assunzione, sia con che senza connessioni, sono negativi.

“Considerando il processo di selezione come uno scambio tra sponsor del piano e gestori degli investimenti, sembra che i guadagni del commercio associati alle connessioni siano condivisi in modo diseguale. I gestori degli investimenti traggono vantaggio dalle connessioni con flussi ricevuti più ampi e, quindi, commissioni, ma anche nella migliore delle ipotesi, gli sponsor del piano non ricevono rendimenti più elevati o commissioni inferiori ".



Tre punti chiave
Allora, quali sono le lezioni da portare via?



1. Identificare i vincitori in anticipo è quasi impossibile

La prima lezione è che individuare costantemente i gestori di fondi "star" prima che diventino effettivamente delle star è da qualche parte tra estremamente difficile e impossibile.

Questa non è una novità. Nel 2008, due degli autori di questo ultimo studio, Amit Goyal e Sunil Wahal, hanno prodotto un documento che mostrava come i rendimenti prima dell'assunzione fossero generalmente alti, ma vicini allo zero dopo l'assunzione. Jenkinson, Jones e Martinez hanno raggiunto una conclusione simile nel 2018.

È tempo di inchiodare il mito, una volta per tutte, che puoi scegliere i vincitori in anticipo. Chiunque affermi di averlo fatto dovrebbe essere costretto a dimostrarlo, facendo in modo che i loro rendimenti siano adeguatamente e indipendentemente benchmark.



2. La performance passata è ampiamente irrilevante

Ancora una volta, i professionisti finanziari non dovrebbero aver bisogno di ricordare questo fatto, ma purtroppo molti di loro lo fanno.

Possiamo tutti vedere chi sono stati i vincitori nel recente passato; hai solo bisogno di guardare nella sezione soldi di un giornale della domenica, o in qualsiasi rivista di investimento. La domanda è: quali fondi sovraperformeranno in futuro ?

Raccomandare un fondo sulla base di una solida esperienza recente potrebbe ridurre al minimo il rischio di carriera o contenzioso. Ma è molto improbabile che fornisca rendimenti superiori al tuo cliente.

Semmai, il fatto che un fondo abbia ottenuto una serie di vittorie dovrebbe essere una bandiera rossa. Il ritorno alla media è una delle regole ferree degli investimenti e l'eroe di oggi è spesso lo zero di domani.



3. Anche le connessioni non aiutano

La terza e ultima lezione tende a ricevere molta meno attenzione, ma è anche di fondamentale importanza.

Può sembrare controintuitivo, soprattutto perché le connessioni svolgono un ruolo prezioso in molti altri ambiti della vita, ma possono essere più un ostacolo che un aiuto nella selezione dei fondi.

Le case di fondi sanno quanto siano influenti queste connessioni personali, motivo per cui investono così tanto tempo e denaro in eventi sociali e professionali con consulenti e consulenti.

Ma, come mostra l'ultima ricerca, "i collegamenti con i gestori degli investimenti generano risultati di rendimento peggiori". Quelle piacevoli relazioni che molti consulenti hanno con le società di gestione di fondi hanno molte più probabilità di avvantaggiare la casa di fondi rispetto al cliente.

https://www.linkedin.com/.../marco-bigliardi-48032456_per... 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder