@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Come costruire PORTAFOGLI DI INVESTIMENTO

2021-02-04 22:37

Fulvio Marchese

Come costruire PORTAFOGLI DI INVESTIMENTO

Stimolato dal post di Beppe Scienza a proposito delle sue affermazioni su "ETF & so on"

Pubblicato il 13/08/2020 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

Stimolato dal post di Beppe Scienza a proposito delle sue affermazioni su "ETF & so on"


https://www.facebook.com/BeppeScienza/posts/3369501623088525


ho tradotto questo articolo pubblicato l'8 agosto sul WSJ del prof. Statman che forse se ne capisce di più...

Il consiglio a Beppe Scienza è almeno di abbonarsi al WSJ.

https://www.wsj.com/.../5-myths-about-stock...

5 miti sulla diversificazione delle azioni
N. 1: Non si ottengono davvero molti vantaggi andando oltre le 12-18 azioni. Sbagliato.

C'è un modo migliore per capire la diversificazione, scrive questo professore: assicura che i tuoi soldi non siano mai concentrati negli asset con le peggiori prestazioni.

Di Meir Statman
Aggiornato l'8 agosto 2020 alle 16:00

La diversificazione è spesso descritta come l'unico pranzo gratuito per investire, riducendo il rischio di un portafoglio senza ridurre il rendimento atteso. Questa idea di distribuire denaro su diversi tipi di investimenti è così accettata e così semplice che è un principio fondamentale che anche gli investitori più poco sofisticati ne sono a conoscenza.

Ma mentre molti investitori individuali pensano di comprendere la diversificazione, spesso cadono preda di alcuni miti che impediscono loro di partecipare pienamente a questo pranzo gratuito.

Innanzitutto, diamo un'occhiata a come la diversificazione riduce il rischio.

Gli investitori comunemente valutano il rischio di un portafoglio dalla volatilità dei suoi rendimenti, che di solito è misurata dalla deviazione standard, o dall'ampiezza dei prezzi che variano dal prezzo medio. La deviazione standard dei rendimenti del portafoglio diminuisce con l'aggiunta di ogni azione (o investimento).

Esiste, tuttavia, un modo migliore per comprendere la diversificazione: garantisce che i tuoi soldi non siano mai concentrati negli asset con le prestazioni peggiori, risparmiandoti così dall'essere un investitore di fondo.

Per illustrare, confronta un portafoglio di un'azione con un portafoglio meglio diversificato, composto da due azioni, A e B.Durante un dato anno, un'azione restituirà il 22% e l'altra meno il 6%, ma non sai quale le azioni si trasformeranno in una performance positiva e in una negativa. Un portafoglio composto solo da A o solo da B produrrebbe o il 22%, rendendoti un investitore principale, o meno il 6%, rendendoti un investitore inferiore. Ma un portafoglio diversificato di A e B, diciamo in proporzioni 50-50, ti renderebbe un investitore mediocre, con un rendimento dell'8%.

La diversificazione ti impedisce di essere un grande investitore. Ma eliminando il rischio che sarai mai un investitore di fondo, fornisce un modo più sicuro per far crescere i tuoi soldi nel tempo.

Ecco quindi uno sguardo ad alcuni miti sulla diversificazione e al modo in cui possono danneggiare gli investitori:

Mito 1: diversificare un portafoglio che va da 12 a 18 azioni non offre vantaggi.
Molti investitori, inclusi esperti di investimenti, notano che è possibile ottenere oltre il 90% dei vantaggi della diversificazione possedendo solo da 12 a 18 azioni.

Questa affermazione è vera, ma l'implicazione che non vi sia alcun vantaggio nell'estendere la diversificazione oltre i 12-18 titoli è un mito. Una maggiore diversificazione ripaga sempre, fintanto che i vantaggi dell'aggiunta di un investimento superano i costi dell'aggiunta.

Per illustrare, immagina che io metta davanti a te 19 monete d'oro e dica che puoi prenderne quante ne vuoi. Supponiamo ora di aver preso 18 monete, pari a oltre il 94% delle 19 monete. Ti fermeresti o prenderesti il ​​19? Mentre rifletti sulla tua scelta, ti chiedi qual è il vantaggio marginale di prendere la diciannovesima moneta? Diciamo che è $ 1.000, il valore della moneta. Qual è il costo marginale di prendere quella moneta? Praticamente niente, solo un gesto delle dita. La scelta è semplice. Ottieni la 19a moneta.

Quindi, mentre i vantaggi marginali dell'aumento della diversificazione da 18 azioni a 19 azioni possono essere piccoli, i costi marginali dell'aumento della diversificazione da 18 a 19 azioni sono essenzialmente zero quando si investe in un fondo indicizzato o ETF contenente migliaia di azioni, molto più di 19, e addebitando una commissione annuale dello 0,04%.

A dire il vero, il costo della diversificazione è enorme se diversifichi da solo in migliaia di azioni o altri investimenti con spese elevate. Una diversificazione efficiente è ottenuta mediante fondi indicizzati o ETF a basso costo.

Mito 2: possedere una manciata di azioni che conosci è più sicuro di un portafoglio di migliaia di azioni che non conosci.
"Investi in ciò che sai." Quante volte l'abbiamo sentito?

Troppe, a quanto pare.

Un recente studio condotto da ricercatori dell'Università del Colorado
ha rilevato che molti investitori sono convinti che un portafoglio più piccolo composto da società che conoscono e comprendono sia molto meno rischioso di un portafoglio diversificato di migliaia di società che non conoscono. Quando gli investitori hanno troppe azioni da ricercare e monitorare, è probabile che perdano qualcosa di importante e perdano il loro vantaggio competitivo, o almeno così va il pensiero.

In realtà, la maggior parte dei rendimenti del mercato nel tempo sono generati da un numero molto ridotto di azioni. Uno studio del 2018 pubblicato sul Journal of Financial Economics


https://www.sciencedirect.com/.../abs/pii/S0304405X18301521


ha rilevato che il 4% delle azioni con le migliori prestazioni ogni anno rappresenta collettivamente il guadagno totale del mercato azionario dal 1926.

Se scegli di possedere solo una frazione delle oltre 3.500 azioni quotate in borsa negli Stati Uniti, quali sono le tue probabilità di scegliere esattamente quelle giuste? Sono molto piccoli, probabilmente simili alla scelta di un biglietto della lotteria vincente.

Se decidi di investire praticamente in tutte le azioni quotate in borsa negli Stati Uniti attraverso un fondo indicizzato di mercato azionario totale, tuttavia, le probabilità che avrai i maggiori vincitori di domani sono essenzialmente del 100%.

Pertanto, è probabile che nel tempo i portafogli di 12, 18 o anche centinaia di azioni rimangano indietro rispetto a un fondo indicizzato diversificato contenente quasi tutte le azioni perché è probabile che il portafoglio non diversificato manchi i "super stock" che determineranno la maggior parte dei rendimenti futuri del mercato .

Molti investitori hanno perso la fiducia nella diversificazione durante la crisi finanziaria del 2008, quando tutto è andato giù.

Mito 3: possedere un fondo indicizzato offre diversificazione.
Un fondo indicizzato S&P 500 è più diversificato di un portafoglio composto da una manciata di azioni. Ma un fondo S&P 500 non è così diversificato come un fondo indicizzato di borsa totale.

Questo perché l'indice S&P 500 comprende principalmente società a grande capitalizzazione o quelle con un valore totale relativamente elevato di tutte le loro azioni. In qualsiasi anno, il rendimento di un fondo indicizzato di azioni a grande capitalizzazione sarà probabilmente diverso dal rendimento di un fondo indicizzato composto da azioni a bassa capitalizzazione. È probabile che i rendimenti di entrambi differiscano da quelli di un fondo indicizzato del mercato azionario totale, che include società a grande e piccola capitalizzazione.

Uno sguardo ai fondi indicizzati di Vanguard illustra questo punto. Nel 2003, il rendimento delle azioni Vanguard 500 Index Fund Admiral (VFIAX), un fondo che cerca di replicare la performance dell'S & P 500, è stato del 28,6%, mentre il rendimento del Vanguard Small-Cap Index Fund Admiral (VSMAX) è stato del 45,8% . Il rendimento del fondo Vanguard Total Stock Market Index (VTSAX) quell'anno è stato del 31,4%, tra i rendimenti dei due fondi indicizzati, riflettendo la sua maggiore diversificazione. In altri anni, come il 2017, il rendimento del fondo indicizzato S&P 500 ha superato quello del fondo a bassa capitalizzazione, ma il rendimento del fondo indicizzato di borsa totale è stato intermedio, come sempre.

Lo stesso concetto vale per i fondi indicizzati focalizzati su azioni value, titoli growth, titoli ad alto dividendo e così via. I loro rendimenti rifletteranno una fetta di mercato e potrebbero differire sostanzialmente da quelli del mercato azionario nel suo complesso.

Coloro che sono interessati a costruire un portafoglio diversificato potrebbero iniziare con tre fondi indicizzati: un fondo azionario statunitense totale, un fondo azionario internazionale totale e un fondo obbligazionario totale. Da lì, gli investitori possono mettere a punto, in base alle loro esigenze e obiettivi individuali.

Mito 4: le azioni statunitensi e internazionali sono strettamente correlate, quindi non vi è alcun vantaggio di diversificazione nel possederle entrambe.
In generale, quando due investimenti sono strettamente correlati, la differenza nei loro rendimenti è solitamente minore e i vantaggi di diversificazione derivanti dal possesso di entrambi sono inferiori. Ma la correlazione non è l'unico fattore che gli investitori dovrebbero considerare. Anche la volatilità dei rendimenti dei due investimenti è importante. Quando la volatilità (misurata dalla deviazione standard) è elevata, la differenza media tra i rendimenti può essere elevata, il che aumenta i vantaggi di diversificazione derivanti dal possesso degli investimenti.

Osservando nuovamente i fondi indicizzati Vanguard, è chiaro che le azioni statunitensi e internazionali sono strettamente correlate. Dal 2000 al 2019, la correlazione tra i rendimenti del fondo azionario statunitense totale di Vanguard e del suo fondo azionario internazionale totale è stata dell'89%, non lontano dalla correlazione perfetta al 100%.

Ma uno sguardo ai loro rendimenti mostra che i vantaggi della diversificazione tra azioni statunitensi e internazionali sono stati grandi.

Ad esempio, mentre il rendimento del fondo azionario totale degli Stati Uniti nel 2006 è stato del 15,6%, il rendimento del fondo internazionale totale di quell'anno è stato molto più alto del 26,6%. E mentre il rendimento del fondo azionario totale degli Stati Uniti nel 2019 è stato del 30,8%, il rendimento del fondo internazionale totale di quell'anno è stato molto inferiore, 21,5%. La differenza nei rendimenti - 11 punti percentuali nel 2006 a favore delle azioni internazionali e 9,3 punti percentuali nel 2019 a favore delle azioni statunitensi - indica significativi vantaggi di diversificazione nel possedere entrambi i tipi di azioni.

La storia dei rendimenti delle obbligazioni societarie statunitensi e dei titoli di stato statunitensi completa la storia. Anche la correlazione tra i rendimenti dei due tipi di obbligazioni dal 2000 al 2019 è stata dell'89%, identica alla correlazione tra i rendimenti delle azioni statunitensi e delle azioni internazionali, ma la volatilità dei rendimenti delle obbligazioni è inferiore a quella delle azioni. Ciò ha comportato differenze minori tra i rendimenti di due tipi di obbligazioni rispetto ai due tipi di azioni e minori vantaggi della diversificazione tra obbligazioni.

Mito 5: il market timing è necessario, oltre alla diversificazione.
Molti investitori hanno perso la fiducia nella diversificazione durante la crisi finanziaria del 2008, quando le azioni statunitensi e internazionali sono state decimate. Il fondo indicizzato del mercato azionario totale statunitense di Vanguard è crollato del 37% nel 2008, mentre il fondo indicizzato del mercato azionario internazionale è sceso del 44,1%. La differenza nelle prestazioni era di 7,1 punti percentuali, indicando sostanziali vantaggi di diversificazione, ma questi benefici hanno suscitato pochi applausi. Al contrario, un fondo indicizzato di obbligazioni a lungo termine, che combina obbligazioni societarie e di stato statunitensi, ha guadagnato l'8,8% quell'anno.

Ciò ha portato alcuni professionisti degli investimenti a suggerire che, oltre alla diversificazione, anche i gestori di denaro dovrebbero impegnarsi nei cosiddetti metodi tattici. Si riferivano all'allocazione tattica degli asset o al tempismo del mercato. Questi vantaggi implicano che i gestori di denaro competenti avrebbero venduto azioni e acquistato obbligazioni alla fine del 2007, evitando il crollo del 2008, e sarebbero tornati alle azioni in tempo per il 2009, quando il fondo indicizzato del mercato azionario degli Stati Uniti guadagnò il 28,8% e il totale Il fondo indicizzato del mercato azionario internazionale ha guadagnato il 36,7%.

Ma il market timing è più facile a dirsi che a farsi. Gli investitori dilettanti che cercano di cronometrare il mercato tendono a comprare e vendere in tutti i momenti sbagliati e finiscono per sottoperformare i loro coetanei buy-and-hold.

La diversificazione ci protegge dall'essere gli investitori più bassi, poiché abbandoniamo la speranza di essere i migliori investitori. Il market timing di successo può renderci i migliori investitori, ma è probabile che non abbia successo, trasformandoci in investitori di fondo.

Detto questo, i due approcci possono coesistere. Puoi possedere un fondo indicizzato di borsa totale e poi, in un conto diverso, anche fare scommesse su una manciata di azioni che ritieni possano guadagnare rendimenti straordinari. Ma investire solo in una dozzina di azioni e aspettarsi rendimenti straordinari è troppo rischioso per la maggior parte degli investitori.

Il dottor Statman è il professore di finanza Glenn Klimek presso la business school della Santa Clara University e autore di "Behavioral Finance: The Second Generation" (disponibile gratuitamente su cfainstitute.org). Può essere raggiunto a reports@wsj.com

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder