@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Il rischio profondo, the deep risk...

2021-01-31 03:34

Fulvio Marchese

Il rischio profondo, the deep risk...

35 anni di tassi al ribasso sono stati una "mutazione genetica" per tutto "il genere dell'investitore".

Pubblicato il 01/12/2019 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

schermata2021-01-31alle03-33-26-1612060446.png

35 anni di tassi al ribasso sono stati una "mutazione genetica" per tutto "il genere dell'investitore".

Investitore italiano in particolare: "con l'obbligazionario si guadagna soltanto e senza rischi" è stato il nuovo genoma. Da noi è nata persino una nuova etnia, IL BOT PEOPLE, che ha proprio perso i tratti del genere regredendo a quello di "risparmiatore generico".

Non conosco il futuro... e quindi non ho la più pallida idea se il punto di congiuntura economica in cui siamo arrivati sia il "bottom" dei tassi (che negativi non si erano addirittura mai visti nella storia).

Nei dati, nelle statistiche (& in qualche intuizione) cerco di trovare l'equilibrio dei modelli che sorreggeranno i miei portafogli nell'ingresso della nuova decade, nella costruzione cioè, nella mia metafora, della barca a vela che potrà solcare qualsiasi mare con qualsiasi tempo e qualsiasi vento senza avere mai la paura di scuffiare.

All'uscita dalla grande depressione degli anni '30 i tassi salirono per oltre 30 anni, fino al 1981. Altro mondo, vero... ma chi aveva ricchezza da investire nel dopoguerra con le obbligazioni si è proprio impoverito. E tanto.

Abbiamo perso la memoria storica del RISCHIO PROFONDO che tassi e/o inflazione crescente potrebbero innescare sulla perdita del potere d'acquisto. La base dell'all season portfolio che cito spesso sono le obbligazioni a medio (15%) e lungo termine (40% del portafoglio)...

https://filippoangeloni.com/portafoglio-all-weather-ray.../

ma proprio il suo ideatore, Ray Dalio, nella primavera del 2018 affermò che le obbligazioni "sono già in territorio orso": "Un aumento dell'1% dei rendimenti obbligazionari produrrà il più grande mercato ribassista delle obbligazioni che abbiamo visto dal 1980 al 1981".

Ma poichè nulla si può prevedere "finemente", dopo la paura della seconda metà del 2018 abbiamo assistito al fantastico rally obbligazionario del 2019, sin qui!

Nome del Fondo
in % YTD

SPDR Barclays 10+ Year US Corporate Bond UCITS ETF 28,82%
Lyxor Ultra Long Duration Euro Government FTSE 25+ ETF 26,15%
Xtrackers Eurozone Government Bond 25+ UCITS ETF 1C 25,25%
UBS ETF (LU) Bloomberg Barclays TIPS 10+ UCITS ETF (USD) 24,74%
iShares USD Treasury Bond 20+yr UCITS ETF (Dist) 23,36%
iShares USD Treasury Bond 20+yr UCITS ETF USD (Acc) 23,25%
SPDR Barclays 10+ Year US Treasury Bond UCITS ETF 22,82%

And now?

n.b.: non voglio "prevedere", solo ragionare con buon senso.

Guardate i dati della slide e andate ai link.

Personalmente ritengo che non portare alcun correttivo ad un portafoglio basato sul 40% di bond a lungo termine, soprattutto dopo la mietitura del 2019, sia "non coerente"... ma sono solo mie "intuizioni".

https://awealthofcommonsense.com/.../the-worst-kind-of.../

https://awealthofcommonsense.com/.../what-is-a-bond-bear.../

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder