@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Il mito del portafoglio perfetto

2021-01-31 01:17

Fulvio Marchese

Il mito del portafoglio perfetto

Ho fatto tradurre a Chrome questo articolo che mi sembra equilibrato sull'argomento.

Pubblicato il 29/09/2019 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

Una asset allocation implementata su uno studio modello di un portafoglio quasi totalmente permanente, basato su dati, statistiche & intuizioni, da ribilanciare senza mai fare previsioni è un punto di partenza importante per qualsiasi investitore (e, secondo me, anche e soprattutto per un Consulente Finanziario che miri alla competenza nel suo lavoro)...

Ma non è tutto, ovviamente. Età, obiettivi, tolleranza alle oscillazioni e comportamento personale dell'Investitore giocano un ruolo ancora più importante. E quindi, permettetemi, il ruolo importante che assume il bravo Consulente Finanziario risulta EVIDENTE E CHIARO tenendo conto di tutte queste "variabili" proprio oltre al mito del portafoglio perfetto.

In questo ambito si crea, secondo me, il famigerato VALORE DELLA CONSULENZA FINANZIARIA che tutti tirano in ballo per giustificare le fees.

Ecco: le fees per la consulenza finanziaria, non le fees di distribuzione dei prodotti a vantaggio dell'intermediazione! Mi spiace doverlo spesso sottolineare, ma I COSTI sono tra le cose più importanti che un consulente dovrebbe consulenziare (che non significa lavorare gratis, anzi!).

Che i miei colleghi, consulenti finanziari mandatari, oltre il 99% del mercato della consulenza finanziaria, non siano d'accordo non mi importa un granché. Sbagliano, secondo me: tutto il settore che si basa sulla vendita di consulenza finanziaria a rebates soffrirà per questa miopia basata sulla prossima trimestrale e sui budget di spese dei Clienti o come veniva chiamato in tempi non sospetti “ il margine di contribuzione”. Leggendo quello che succede in USA non pare essere solo una mia convinzione.

D’altronde 100 mila euro investiti per 30 anni al 6% di rendimento e spese 2% diventano 313 mila. Senza spese sarebbero 574 mila. È il 45% di riduzione di valore... e le performaces è assodato statisticamente siano create per oltre il 90% da mercato e asset allocation e molto raramente, anzi quasi mai, da “alpha” gestorio.

Eppure su questo “quasi mai” psicologico si basa la vendita dei prodotti.

Ho fatto tradurre a Chrome questo articolo che mi sembra equilibrato sull'argomento.

https://www.rock-wealth.co.uk/the-myth-of-the-perfect.../

Le persone nuove agli investimenti spesso chiederanno quale dovrebbe essere il portafoglio perfetto. La semplice risposta a questa domanda è che non esiste un portafoglio unico adatto a tutti. Ci sono possibilità letteralmente infinite.

Il motivo è che le persone sono diverse. La forma del tuo portafoglio può dipendere da una serie di fattori, tra cui età, propensione al rischio, lavoro, orizzonte di investimento, circostanze familiari, salute, valori e altre preferenze.

In definitiva, il miglior portafoglio è quello che è più probabile che ti porti alla destinazione desiderata e con cui puoi vivere lungo la strada. Progettare un portfolio adatto a te è fatto al meglio da un professionista che ti capisce e può aiutarti a rimanere disciplinato.

Asset allocation

Il driver travolgente dei rendimenti del tuo portafoglio è ciò che è noto come ASSET ALLOCATION. Ciò significa scegliere come dividere il portafoglio tra diverse classi di attività come azioni, obbligazioni, proprietà e liquidità. A proposito, una classe di attività è un modo per classificare gli investimenti con caratteristiche diverse in termini di rischio e rendimento.

L'asset allocation dipende da fattori quali l'età, l'orizzonte temporale e la tolleranza al rischio. Se sei a un anno di distanza dalla pensione, ad esempio, con molto capitale finanziario ma meno capitale umano (guadagni dal tuo lavoro), potresti avere molto meno allocato in azioni rispetto a titoli di Stato di alta qualità. Al contrario, se sei giovane e hai appena iniziato, hai poco capitale finanziario ma un sacco di lavoro e risparmio per anni a venire. Quindi, puoi permetterti di correre più rischi.

Ma non è mai così semplice. Ci sono una serie di decisioni da prendere nel decidere sull'asset allocation. Inoltre, è qualcosa che devi rivedere regolarmente, in base a come i mercati cambiano nel tempo e come si evolvono i tuoi bisogni e le circostanze.

Tre passaggi chiave

Primo passo : la prima decisione che devi prendere per strutturare la tua strategia di investimento è quella che è conosciuta come la divisione "difensiva della crescita". Questo si riferisce a quanto del tuo portafoglio assegni ad attività come azioni e proprietà che mirano a far crescere la tua ricchezza, e ad attività difensive come obbligazioni e liquidità che mirano a proteggerla.

In genere, una persona di 20 anni potrebbe avere il 90% o più del proprio portafoglio in attività di crescita, mentre qualcuno vicino o in pensione potrebbe avere solo il 10%. Ancora una volta, tuttavia, dipende da molte altre variabili. Qualcuno che si avvicina alla pensione con un bilancio insufficiente potrebbe essere felice di assumere una maggiore esposizione alla crescita.

Fase due : dopo aver deciso la divisione difensiva della crescita, è possibile decidere come allocare ampie classi di attività in tali categorie.

Sul lato difensivo, quanto vuoi incassare rispetto agli interessi fissi? Per quanto riguarda la crescita, quanto vuoi allocare alla proprietà? E all'interno delle azioni, quanto vuoi ripartire sulle azioni nazionali rispetto alle azioni internazionali, e all'interno internazionale quanto sui mercati sviluppati ed emergenti?

A proposito, i mercati emergenti - come la Russia e la Cina - sono una classe di attività distinta in quanto si comportano in modo diverso per condividere i mercati nelle economie sviluppate. Offrono rendimenti attesi più elevati, ma sono anche più rischiosi. Hanno un posto in un portafoglio diversificato. L'entità dipenderà dalla propensione al rischio e dagli obiettivi di ciascuna persona.

Terzo passaggio : il terzo passaggio riguarda la modalità di allocazione alle classi di attività secondarie. Quindi, quanto vuoi essere esposto alle grandi società rispetto alle azioni delle piccole imprese, per valutare le azioni rispetto alle azioni di crescita? Nell'ambito degli interessi fissi, quanto rischio di credito sei disposto a prendere e quanto tempo? Nel giudicare queste cose, è meglio considerare l'impatto sul proprio portafoglio complessivo, non su una determinata risorsa.

In ogni fase, è necessario prestare attenzione alla diversificazione, diffondendo il rischio non solo tra le diverse classi di attività ma anche all'interno delle classi di attività.

riequilibrio

Ma anche una volta che hai deciso la tua asset allocation, non devi solo mettere il tuo portafoglio in un cassetto e dimenticartene. Questo per due motivi. Innanzitutto, gli investimenti cambiano nel tempo. Alcuni crescono più velocemente di altri. Il secondo motivo è che stai cambiando, invecchiando e avvicinandoti (o forse più lontano) dal tuo obiettivo desiderato.

È qui che entra in gioco il ribilanciamento del portafoglio. Ciò significa riportare l'allocazione patrimoniale al piano originale. Pertanto, se si è optato per una divisione di crescita / difensiva di 50/50 e le azioni si comportano bene nel corso del prossimo anno, il portafoglio potrebbe ora essere 60/40. Potrebbe essere un rischio maggiore di quello che sei felice di prendere, quindi puoi prendere i soldi dal tavolo in crescita e reinvestirli in difesa. Il punto su questo processo è che è disciplinato e programmato, non una risposta istintiva ad eventi esterni.

Cosa dicono le prove

Sebbene non esista un portafoglio perfetto, gli accademici concordano ampiamente sul fatto che l'allocazione delle attività è la decisione più importante che prenderai come investitore. Sì, più importante di quali titoli acquistare o cronometrare il mercato. Il disaccordo riguarda le dimensioni esatte dell'impatto.

Il documento accademico più comunemente citato è quello del 1986 di Gary Brinson, Randolph Hood e Gilbert Beebower che ha concluso che l'allocazione delle attività ha spiegato il 93,6% della variazione dei rendimenti trimestrali di un portafoglio. Questo è stato successivamente rivisto al 91,7%.

Nel 1997, un articolo di William Jahnke mise in dubbio le scoperte di Brinson-Hood-Beebower, affermando che ciò che contava di più per gli investitori non era tanto la variazione dei rendimenti da un trimestre all'altro, ma la loro effettiva dimensione.

Un terzo punto di vista, espresso da Robert Ibbotson e altri in un articolo pubblicato nel 2000, è che il grado di influenza dell'asset allocation dipende da come si pone la domanda.

Per l'investitore laico, tutto ciò che conta qui è che l'allocazione delle attività non è solo uno strumento critico, ma uno dei pochi che è sotto il tuo controllo. La selezione dei titoli e la tempistica tattica del mercato possono avere un'influenza, ma come abbiamo visto questa supposta abilità è difficile discernerLA dalla fortuna.

ROBIN POWELL è giornalista freelance ed è Head of Client Education di RockWealth. Redige il popolare blog sugli investimenti e sulla finanza personale, The Evidence-Based Investor . Puoi seguirlo su Twitter @RobinJPo

schermata2021-01-31alle01-15-47-1612052176.png
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder