@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Il mito di battere il mercato

2021-01-31 00:46

Fulvio Marchese

Il mito di battere il mercato

Ho trovato questo interessante blog. Ho fatto tradurre da Chrome un articolo

Pubblicato il 22/09/2019 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

Ho trovato questo interessante blog. Ho fatto tradurre da Chrome un articolo

TEBI The Evidence-Based Investor
L'INVESTITORE BASATO SULL'EVIDENZA
(nessun programma di vendita, nessuna spinta di marketing, solo prove)

https://www.evidenceinvestor.com/the-beating-the-market.../
Gran parte del commento dei media tradizionali sugli investimenti porta con sé il presupposto che battere il mercato dovrebbe essere l'obiettivo di tutti. Ma cosa significa? E ha senso?

In sostanza, l'idea che gli investitori ordinari possano fare costantemente meglio del mercato, dopo aver tenuto conto di rischi e commissioni, è fantasiosa. La verità è che anche i professionisti lottano per sovraperformare il mercato anno dopo anno.

Ovviamente, sentirai parlare di valori anomali come Warren Buffett del Berkshire Hathaway o Peter Lynch del Magellan Fund che sembrano offrire la speranza che offrire rendimenti da anni nel mercato sia alla portata di tutti.

Ma il record mostra che la maggior parte dei gestori fa fatica a battere i benchmark per lunghi periodi e che i vincitori non tendono a ripetere le performances. E anche tenendo conto delle capacità manageriali, ciò lascia ancora agli investitori la sfida di trovare gli esperti prima dell'evento.

Distinguere la fortuna dall'abilità

Un altro problema per quelli di noi che cercano di scegliere i migliori gestori è separare la fortuna dall'abilità. Un famoso documento accademico degli ultimi anni ha esaminato la performance dei fondi comuni statunitensi nell'arco di 23 anni e ha riscontrato che pochi rendimenti adeguati al benchmark dei prodotti sufficienti a coprire i loro costi.

Questo non vuol dire che non ci sono gestori qualificati. Ma pensa a questo: se quei manager hanno le competenze sufficienti per battere il mercato anno dopo anno, perché non dovrebbero catturare da soli tutti quei guadagni? Perché dovrebbero condividerlo con un pubblico più vasto?

In ogni caso, ciò che è pubblicizzato come abilità è spesso proprio quello che c'è da prendere. Negli ultimi anni, ciò che i gestori pubblicizzano come "alpha", l'abilità che consente loro di battere il mercato, è stato sempre più esposto come beta - il rendimento che puoi guadagnare senza cercare di superare il mercato.

Il divario comportamentale

Ma mentre i vari campi nel settore della gestione patrimoniale mettono in discussione quanto valore aggiungono, la sfida per la maggior parte degli investitori è solo ottenere il tasso di rendimento di mercato. Studi come l'analisi annuale DALBAR sul comportamento degli investitori trovano regolarmente un divario significativo tra ciò che offre il mercato e ciò che gli investitori medi ricevono.

Le persone sottoperformano il mercato principalmente a causa del proprio comportamento. Sono più sensibili alle perdite che ai guadagni, inseguono i vincitori del passato, non riescono a diversificarsi sufficientemente e cercano invano di cronometrare il mercato. Ignorano anche fattori noiosi, ma importanti, come i costi e le tasse.

Gran parte di questo cattivo comportamento deriva dalle persone che pensano che il loro obiettivo dovrebbe essere quello di "battere" il mercato quando il loro vero obiettivo è quello di guadagnare il ritorno del mercato e farlo in modo coerente e a basso costo in modo da massimizzare le loro possibilità di garantire i rendimenti a termine su cui devono ritirarsi (andare in pensione).

Non sembra sexy, vero? Ma quando gli investimenti iniziano a sembrare sexy è quando le campane di allarme dovrebbero suonare.

I movimenti del mercato a breve termine sono imprevedibili

Il fatto è che i rendimenti del mercato sono imprevedibili. E questo, in parte, è perché le notizie sono imprevedibili. Le economie sono fluide; la crescita accelera o rallenta; le aziende aumentano e diminuiscono; talvolta le industrie dominanti soccombono all'evoluzione tecnologica; e le preferenze dei consumatori cambiano sempre.

I mercati valutano istantaneamente tutte queste notizie, riflettendo le aspettative collettive per i rendimenti futuri. Cercare di superare il mercato significa indovinare quei prezzi, che è un'occupazione aleatoria nella migliore delle ipotesi.

Si può , naturalmente, ma con la stessa probabilità di sbagliare. E ricorda, per sovraperformare costantemente devi continuare a fare chiamate corrette più e più volte, e spera che ogni guadagno almeno compensi i costi coinvolti nel trading attivo.

Segui i consigli di Warren Buffett

Perfino Warren Buffett, il decano dei selezionatori di titoli, ha sostenuto che la maggior parte delle persone starebbe meglio in un fondo indicizzato a basso costo. E ha vinto una scommessa da 1 milione di dollari secondo cui questi noiosi fondi "passivi" farebbero meglio degli hedge fund più costosi ed elaborati nell'arco di un decennio.

Quindi, mentre l'idea di battere il mercato è attraente, la realtà è che molte persone hanno maggiori probabilità di essere battute dal mercato. E lo fanno principalmente a causa del rifiuto di accettare che i prezzi, per quanto imperfetti, riflettano la migliore stima disponibile dei rendimenti futuri. 

schermata2021-01-31alle00-45-40-1612050382.png
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder