@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

IL CF COME DEVE AGIRE?

2021-01-30 04:56

Fulvio Marchese

IL CF COME DEVE AGIRE?

Disquisizione meno "tecnica" di quel che sembra...

Pubblicato il 25/10/2018 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

Disquisizione meno "tecnica" di quel che sembra...

Ringrazio Bernardini Vincenzo della segnalazione dell'articolo del blog di Kitces.com che ho "fatto tradurre" da Chrome ed ho integralmente incollato di seguito.

E' forse il vero punto dirimente del lavoro di relazione del Consulente Finanziario: se un Cliente non "capisce" che per ottenere il rendimento atteso per coprire il suo obiettivo/esigenza di vita (spero si sia già definitivamente superata la fase del "voglio il rendimento massimo possibile")... il portafoglio costruendo dovrà considerare un livello di rischiosità che "esorbita" la SUA tolleranza al rischio (reale o percepita)...

IL CF COME DEVE AGIRE?

Buona lettura (in italiano sul post or in english direttamente al link). Lungo ma interessante.

https://www.kitces.com/.../goal-risk-tolerance.../...

schermata2021-01-30alle04-55-17-1611978955.png

Sintesi

È un requisito standard nei servizi finanziari che i consulenti finanziari devono prima determinare la tolleranza al rischio di un investitore prima di fare raccomandazioni di investimento per il proprio portafoglio. Tuttavia, nell'era moderna, i buoni consulenti finanziari non investono solo un portafoglio per la crescita o la conservazione del capitale da soli, ma per raggiungere gli obiettivi dell'investitore, e qualunque sia il rendimento richiesto (e il rischio associato) che tali obiettivi richiedono. Tranne che nella pratica, farlo a volte è impossibile - perché non tutti gli investitori sono in grado di tollerare la quantità di rischio di cui hanno bisogno per raggiungere i loro obiettivi in ​​primo luogo!

Per i consulenti finanziari, ciò porta a due percorsi alternativi per l'implementazione. Il primo è quello di adottare un approccio più "autorevole", in cui il consulente finanziario è letteralmente "l'autorità" - l'esperto - il cui compito è quello di attuare ciò di cui l'investitore ha bisogno per raggiungere l'obiettivo (vale a dire, investirli per ciò di cui hanno bisogno, indipendentemente dalla loro tolleranza), e quindi si assume la responsabilità di aiutare i loro clienti ad aderire al piano e a mantenere il corso (cioè, "comportamentalmente gestire") attraverso l'inevitabile mercato in recessione. Al contrario, la seconda opzione è un approccio più "accomodante", in cui il consulente finanziario può educare e suggerire all'investitore il motivo per cui ha bisogno (e dovrebbe essere più a suo agio) di un maggiore livello di rischio, ma alla fine accetta comunque il cliente desidera investire (dato che sono i loro soldi e la loro decisione alla fine, anche se è un percorso inevitabilmente destinato al fallimento generando rendimenti insufficienti).

D'altra parte, probabilmente il vero problema non è solo decidere se essere più autorevoli o accomodanti rispetto al disallineamento di un investitore tra il loro bisogno di rischio e tolleranza di prenderlo, ma riconoscere che il loro bisogno di rischio è così (in modo problematico) alto perché il loro obiettivo in sé è molto impegnativo e rischioso in primo luogo. Il che significa che il percorso migliore potrebbe non essere il tentativo di determinare il portafoglio "ottimale" (perché in realtà non ce n'è uno), ma piuttosto di aiutare i clienti a modificare i loro obiettivi in modo tale da non aver bisogno di più rischi di quanto possano tollerare in primo luogo. In altre parole, il consulente non ha bisogno di essere autorevole o accomodante in caso di necessità ad alto rischio e bassa tolleranza del cliente se gli obiettivi possono essere aggiustati in modo che il cliente non abbia più quel bisogno ad alto rischio dopo tutto!

O, più semplicemente, in un mondo in cui i portafogli non sono solo investiti per la crescita o la conservazione del capitale in astratto, ma in particolare per raggiungere determinati obiettivi, il primo passo del processo non è allineare il portafoglio alla tolleranza al rischio del cliente, ma per allineare gli obiettivi (e la quantità di rischio che avrebbero richiesto) alla tolleranza al rischio del cliente, in primo luogo. Perché una volta che gli obiettivi stessi sono allineati alla tolleranza al rischio ... implementare il portafoglio ottimale risulta essere straordinariamente semplice!

La differenza tra i ritorni di cui clienti hanno bisogno e il rischio possono tollerare

L'approccio standard del settore alla tolleranza al rischio è quello di valutare la capacità di un cliente di resistere al "rischio" associato al proprio portafoglio di investimenti. Sia dal punto di vista della loro volontà di rimanere investiti attraverso l'inevitabile declino del mercato (cioè, il loro "atteggiamento" di rischio), sia semplicemente dal punto di vista finanziario per essere in grado di rimanere in linea per i loro obiettivi di fronte alla volatilità del mercato (ovvero, la loro risk "capacity").

Dopo tutto, se un investitore non può rimanere investito di fronte alla volatilità del mercato - se si lascia prendere dal panico sul fondo, fare qualcosa di frettoloso o inappropriato, o può citare in giudizio il consulente per incolparlo per le perdite - è fondamentale sapere quanto di un drawdown può tollerare un investitore prima di farsi prendere dal panico. E se l'investitore deve fare affidamento direttamente su tali beni di investimento - ad esempio, per una distribuzione in corso in pensione - allora un drawdown inatteso che è troppo severo può innescare una sequenza avversa di rendimenti che porta a fallire l'obiettivo del pensionamento, quindi è fondamentale sapere quali tipi di perdite il portafoglio stesso può sopportare senza far deragliare l'obiettivo del cliente.

Pertanto, la progettazione di un portafoglio adeguato comporta essenzialmente due diversi vincoli di "tolleranza" del rischio: l'atteggiamento o la volontà dell'investitore di assumersi dei rischi (senza panico) e la capacità finanziaria dell'investitore di correre il rischio (senza soccombere al rischio di sequenza).

L'avvertenza, tuttavia, è che a volte il portafoglio "corretto" basato sulla tolleranza al rischio aggregata di un cliente - una combinazione bidimensionale di atteggiamento di rischio e capacità di rischio - non è allineato con ciò di cui il cliente ha effettivamente bisogno , in termini di crescita / rendimento potenziale, per raggiungere i loro obiettivi in ​​primo luogo.

Esempio.

Betty Burton è una vedova di 63 anni che, dopo la morte di suo marito, ha ricevuto un'assicurazione sulla vita di 500.000 dollari e deve mantenersi per il resto della sua vita con una combinazione di tali proventi assicurativi, un modesto saldo del conto corrente e un beneficio di sopravvivenza per la sicurezza sociale di $ 2000 al mese. L'attuale tenore di vita di Betty richiede circa $ 4.000 / mese per sostenere, il che significa che deve prelevare altri $ 2.000 / mese (o $ 24.000 / anno) dal suo portafoglio ... un tasso di ritiro iniziale di quasi il 5%.

Il problema è che nell'attuale contesto di bassi tassi di interesse, è praticamente impossibile per Betty sostenere un tasso di prelievo del 5% da un portafoglio obbligazionario conservativo (cioè, non è sostenibile finanziare un tasso di prelievo iniziale del 5%, adeguandosi all'inflazione , con un portafoglio obbligazionario che produce solo circa il 3%!). Per lo meno, il suo obiettivo di spesa per il tasso di ritiro del 5% richiederebbe un portafoglio di crescita moderato per avere un potenziale di crescita sufficiente al fine di avere anche una possibilità di sostenere tale tasso di prelievo in primo luogo.

Tuttavia, Betty è in realtà un investitore estremo conservatore, che non è tollerante di assumersi molto rischi finanziari, riconoscendo che non avrà altro modo di recuperare eventuali perdite che potrebbe subire. In realtà, il motivo per cui non ha praticamente nessun altro patrimonio per la pensione è che il suo defunto marito ha perso il resto dei suoi risparmi per la pensione in un investimento immobiliare rischioso a metà degli anni 2000 che è stato spazzato via dalla successiva crisi finanziaria e dal declino nazionale immobiliare.

Il risultato finale è che Betty ha bisogno dei rendimenti di un portafoglio di crescita moderato per massimizzare almeno le probabilità di raggiungere i suoi obiettivi di pensionamento, ma non ha la tolleranza al rischio per tale portafoglio in primo luogo. Tuttavia, investire in un portafoglio che sia coerente con la tolleranza al rischio di Betty, a sua volta, non avrà praticamente alcuna possibilità di ottenere i rendimenti necessari per raggiungere i suoi obiettivi.

Il che solleva la domanda dell'advisor: che cosa fai in situazioni così "impossibili", in cui la tolleranza del rischio da parte del cliente non corrisponde al rischio che devono correre per raggiungere i propri obiettivi?

Consulenti Autorevoli vs/ Consulenti Accomodanti

In generale, la maggior parte dei consulenti rientrano in uno dei due campi quando si tratta di trattare con clienti che hanno una discrepanza fondamentale tra la loro tolleranza al rischio e il rischio che "hanno bisogno" di prendere per raggiungere i loro obiettivi.

Il primo approccio è di tipo "autorevole", che posiziona il consulente come "l'esperto" che si trova nella posizione migliore per chiamare ciò che è nel migliore (a lungo termine) degli interessi del cliente. La risposta dell'autorevole consigliere alla situazione di Betty sarebbe qualcosa di effetto:

"Betty sarà investita nel portafoglio di crescita moderata di cui ha bisogno per avere le migliori possibilità di raggiungere i suoi obiettivi a lungo termine. E il mio lavoro come consulente è quello di contribuire a garantire che lei non è solo investita in questo portafoglio adeguato, ma rimane investito nel portafoglio. Ecco perché Betty mi sta assumendo in qualità di advisor in primo luogo: aiutarla a implementare il percorso migliore è raggiungere i suoi obiettivi, e fornire il coaching comportamentale e il supporto per aiutarla a rimanere il corso lungo il cammino."

In particolare, il punto di questo approccio è di essere autorevole, non autoritario (cercando di imporre una stretta obbedienza al consulente per il bene dell'autorità stessa). Essere autorevoli significa semplicemente riconoscere che il consulente viene assunto perché è "l'autorità" - l'esperto - e come risultato, la raccomandazione dell'esperto, esperto e razionale, dovrebbe essere quella che viene implementata. Per il quale il consulente ha quindi la responsabilità di garantire che il cliente "rispetti" e aderisca a tale linea di condotta .

Al contrario, i consulenti all'altro estremo adottano un approccio più "accomodante", riconoscendo che, mentre il consulente può "consigliare", alla fine, il consulente deve essere accomodante su ciò che il cliente è effettivamente disposto a fare. Pertanto, la risposta del consulente accomodante sarebbe qualcosa di effetto:

"Betty sarà investita in un portafoglio conservativo coerente con la sua (bassa) tolleranza al rischio e (bassa) capacità di rischio. Ma il mio lavoro come consulente è quello di educare lei del rischio e del pericolo di questo percorso, con un portafoglio conservativo che potrebbe non essere in grado di raggiungere i suoi obiettivi aggressivi e, spero, di farla sentire più a suo agio nel tempo assumendo ulteriori rischi per raggiungere la crescita di cui ha bisogno. Alla fine, però, sono i soldi di Betty e la decisione di Betty, e il mio ruolo è semplicemente quello di supportarla nel modo migliore possibile, qualunque sia il suo percorso ".

Una sfida di questa dicotomia è che i consiglieri su entrambi i lati della divisione autorevole / accomodante potrebbero non essere d'accordo con l'approccio dell'altro nella gestione della situazione. Ma questo è anche il punto. Sono approcci fondamentalmente diversi e opposti, in cui l'advisor accomodante considererebbe l'approccio autorevole come troppo lontano dal cliente (alla fine, è il denaro del cliente!), Mentre l'advisor autorevole probabilmente considererebbe irresponsabile lasciare il cliente su un percorso noto per essere pericoloso (investendo in un portafoglio che matematicamente non può raggiungere i propri obiettivi).

Quando il bisogno di rischio non è adeguato Tolleranza al rischio: cambiare il portafoglio o cambiare l'obiettivo?

In particolare, il dilemma del consulente autorevole-accomodante è incentrato su come collegare il portafoglio "giusto" a situazioni in cui le esigenze di rischio del cliente (e la necessità di crescita del portafoglio) non corrispondono alla loro tolleranza (o capacità) da prendere il rischio in primo luogo. È una discrepanza che significa che qualcosa deve dare - o il portafoglio finisce più rischioso della tolleranza (e l'advisor autorevole ha un onere aggiuntivo per aiutare il cliente a mantenere il corso), o il portafoglio termina non abbastanza rischioso per il bisogno ( e il consulente accomodante corre il rischio che il cliente finisca per esaurirsi se alla fine non possono essere spinti verso una maggiore crescita).

Tuttavia, in realtà, esiste in realtà una terza alternativa disponibile, oltre a cercare di risolvere il mismatch di tolleranza-bisogno sia autorevole che accomodante: aiutare il cliente a cambiare gli obiettivi da sé, alterando il rischio necessario per renderlo più in linea con quello che è fattibile da raggiungere con il portafoglio (e la tolleranza al rischio) in primo luogo!

Dopo tutto, la vera ragione per cui è così problematico determinare il portafoglio "giusto" per Betty non è solo una questione di decidere se sia meglio essere autorevoli o accomodanti per risolvere il disallineamento tra il bisogno di rischio e la tolleranza al rischio di Betty. E 'letteralmente che v'è una mancata corrispondenza tra il suo bisogno di rischio e propensione al rischio, in primo luogo. Quale è una funzione degli obiettivi di Betty per cominciare.

Quindi, immagina che invece di cercare di determinare se autorizzare Betty verso un portafoglio più aggressivo, o di accogliere Betty in un portafoglio più conservativo, il consulente ha aiutato Betty ad adeguare al ribasso la spesa del suo stile di vita del 20%, così che ora solo lei ha bisogno di $ 3.200 / mese invece di $ 4.000 / mese in primo luogo. Se sommato ai suoi benefici di sicurezza sociale, questo riduce il tasso di prelievo di Betty da quasi il 5% a appena il 2,5% / anno (un ritiro di $ 1,200 / mese su un portafoglio di $ 500.000), che a sua volta riduce il suo "bisogno di rischio" nel portafoglio al punto che anche un portafoglio molto conservativo (coerente con la sua bassa disponibilità a correre rischi) funzionerà perfettamente.

In altre parole, un portafoglio obbligazionario conservativo funziona bene quando l'obiettivo è ridotto al solo bisogno di spendere il 2,5% / anno dal portafoglio in primo luogo. E a sua volta, il tasso di ritiro ridotta al 2,5% elimina anche l'esposizione di Betty alla sequenza di rischio rendimento, come con un tasso di ritiro che basso, anche se si verifica una brutta sequenza di ritorni, Betty avrà più che sufficiente ancora investito per recuperare.

Il risultato finale è che il cambiamento degli obiettivi di Betty non solo riduce il suo bisogno di rischio, ma aumenta anche la sua capacità di rischio. Poiché i due sono lati opposti della stessa medaglia. Gli obiettivi rischiosi hanno sia un bisogno ad alto rischio (deve ottenere un alto ritorno per raggiungerli) sia una capacità a basso rischio (pochissima capacità di sbagliare qualcosa, perché ancora una volta l'obiettivo ha bisogno di un rendimento elevato). Mentre gli obiettivi più conservativi hanno una maggiore capacità di rischio, proprio perché il portafoglio non ha bisogno di guadagnare molto di un rendimento per raggiungere un obiettivo conservativo (ad esempio, un bisogno a basso rischio).

Di fatto, si può obiettare che l'intera sfida dei clienti la cui tolleranza al rischio non corrisponde al loro bisogno di rischio non è in realtà un problema di "portfolio" (per il quale il consulente può essere autorevole o accomodante); è un problema di obiettivi , perché la vera discrepanza è tra il rischio dell'obiettivo (e il rischio che ne ha bisogno) e la tolleranza al rischio dei clienti . Perché per definizione, una volta che il rischio obiettivo (e la necessità che richiede) è coerente con la tolleranza al rischio del cliente, in primo luogo non ci sarà una discrepanza tra i rischi!

La tolleranza al rischio e il rischio richiedono spesso disallineamenti non sono problemi di portafoglio, ma problemi di obiettivi.

A sua volta, questo suggerisce che la migliore linea d'azione per i clienti che hanno una discrepanza tra il loro bisogno di rischio e la loro tolleranza al rischio non sta decidendo dove essere (come consulente) sullo spettro tra autorevole e accomodante nel raccomandare un portafoglio, ma per aiutare il cliente a capire che la discrepanza tra la tolleranza al rischio e il bisogno di rischio rappresenta una discrepanza fondamentale tra la loro tolleranza al rischio e quanto siano rischiosi i loro obiettivi .

O più semplicemente: la migliore metodologia per una corretta progettazione del portafoglio non è in realtà la ricerca del portafoglio ottimale che si adatta alla tolleranza al rischio del cliente, ma per aiutare il cliente a identificare l' obiettivo ottimale in linea con la sua tolleranza al rischio. A quel punto, l'implementazione è semplicemente una questione di trovare il portfolio che si adatta naturalmente a tale obiettivo (e sarà a quel punto, per definizione, anche la tolleranza al rischio del cliente!).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder