@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese

 

​Pianificazione Investimenti life-strategy

Verifica - Assessing 

Rischio/Rendimento Portafogli 

Formazione e Pianificazione  Finanziaria


facebook
instagram
twitter
linkedin

Investimenti e portafogli basati su indici (e tempo)

2022-08-17 13:46

Fulvio Marchese

Investimenti e portafogli basati su indici (e tempo)

Questo articolo è una revisione della ricerca Vanguard pubblicata per la prima volta nel 2004 e aggiornata negli anni successivi.

Pubblicato il 13/07/2021 su Facebook: vai al post per ulteriori commenti

(dall'ultimo paper pdf di Vanguard sull'argomento)
Chi desidera il paper originale in pdf me lo chieda via whatsapp.
Pulsante in basso o direttamente al 335 52 49 294.


schermata-2022-08-17-alle-12.45.47.png

A causa dell'introduzione di fondi negoziati in borsa (ETF) e di una crescente consapevolezza dei vantaggi degli investimenti a basso costo, la crescita degli investimenti su indici è diventata una tendenza globale negli ultimi anni, con un'ampia base di investitori in crescita.

■ Questo documento discute il motivo per cui ci aspettiamo che gli investimenti su indici continuino ad avere successo nel lungo termine - una logica fondata sul gioco a somma zero, l'effetto dei costi e a sfida di ottenere una sovraperformance persistente.


■ Esaminiamo come si comporta l'indicizzazione in una varietà di circostanze, inclusi diversi periodi di tempo e cicli di mercato, e forniamo agli investitori punti da considerare quando valutano diverse strategie di investimento.

 


Questo articolo è una revisione della ricerca Vanguard pubblicata per la prima volta nel 2004 e aggiornata negli anni successivi.

L'investimento su indici1 è stato reso ampiamente disponibile agli investitori statunitensi con il lancio del primo fondo comune di investimento indicizzato nel 1976. Da allora, l'investimento su indici a basso costo si è dimostrato una strategia di investimento di successo a lungo termine, superando la maggior parte dei gestori attivi in ​​tutta mercati e stili di attività (S&P Dow Jones Indices, 2015). In parte a causa di questa sovraperformance a lungo termine, l'investimento su indici ha visto una crescita esponenziale tra gli investitori, in particolare negli Stati Uniti, e soprattutto dopo la crisi finanziaria globale del 2007-2009. Negli ultimi anni, i cambiamenti normativi governativi, l'introduzione di ETF indicizzati e una crescente consapevolezza dei vantaggi dell'investimento a basso costo in più mercati mondiali hanno reso gli investimenti indicizzati una tendenza globale. Questo documento esamina le basi concettuali e teoriche
dell'ascesa degli investimenti su indici (insieme a dati quantitativi di supporto) e discute perché ci aspettiamo che gli investimenti su indici continuino ad avere successo e ad aumentare
in popolarità nel prossimo futuro.
Una strategia di investimento indicizzata ponderata per la capitalizzazione di mercato, ad esempio tramite un fondo comune di investimento o un ETF, cerca di monitorare i rendimenti di un mercato o di un mercato
segmento con deviazioni minime attese (e,
per estensione, nessun rendimento in eccesso positivo) prima dei costi, assemblando un portafoglio che investe nei titoli, o un campionamento dei titoli, che compongono il mercato. Al contrario, i fondi a gestione attiva cercano di raggiungere un rendimento o un livello di rischio diverso da quello di
un benchmark ponderato per la capitalizzazione di mercato. Qualsiasi strategia, infatti, che miri a differenziarsi da un benchmark ponderato per la capitalizzazione di mercato (es. “indicizzazione alternativa”, “smart beta”
o "strategie fattoriali") è, a nostro avviso, gestione attiva e dovrebbe essere valutata in base al successo della differenziazione.
Questo documento presenta il caso dell'investimento in fondi indicizzati a basso costo esaminando i principali fattori della sua efficacia. Questi includono la teoria dei giochi a somma zero, l'effetto dei costi e la difficoltà di riscontrare sovraperformance persistenti tra i gestori attivi. Inoltre, esaminiamo le circostanze in cui questo caso può sembrare meno o più convincente di quanto la teoria suggerirebbe e forniamo suggerimenti per la selezione di un gestore attivo per gli investitori che preferiscono ancora la gestione attiva o per i quali non è disponibile alcuna opzione indicizzata praticabile a basso costo.

Note sul rischio
Note sui dati di rischio e rendimento: gli investimenti sono soggetti al rischio di mercato, inclusa la possibile perdita del denaro investito. I fondi obbligazionari sono soggetti al rischio che un emittente non effettui i pagamenti in tempo e che i prezzi delle obbligazioni diminuiscano a causa dell'aumento dei tassi di interesse o di percezioni negative sulla capacità di un emittente di effettuare pagamenti. La diversificazione non garantisce un profitto né protegge da una perdita in un mercato in declino. I dati sulle prestazioni mostrati rappresentano le prestazioni passate, che non sono una garanzia di risultati futuri. Nota che le illustrazioni ipotetiche non sono rappresentazioni esatte di un particolare investimento, poiché non puoi investire direttamente in un indice o nella media di un gruppo di fondi.
In questo documento, usiamo il termine investimento in indici per fare riferimento a una strategia passiva, ampiamente diversificata e ponderata in base alla capitalizzazione di mercato. Anche ai fini di questa discussione, consideriamo una strategia attiva qualsiasi strategia che non sia ponderata per la capitalizzazione di mercato.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder