@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

La regola più importante per investire

2021-04-21 00:12

Fulvio Marchese

La regola più importante per investire

La regola più importante per investire Traduzione di un articolo di CHARLIE BILELLO10 APRILE 2021 “Regola n. 1: non perdere mai denaro. Regola n. 2: n

La regola più importante per investire

 

Traduzione di un articolo di CHARLIE BILELLO
10 APRILE 2021

 

“Regola n. 1: non perdere mai denaro. Regola n. 2: non dimenticare mai la regola n. 1. " - Warren Buffett

 

Con tutto il rispetto per Warren Buffett, la regola più importante negli investimenti non è nulla di simile a "non perdere mai denaro".

 

In effetti, l'intera nozione è assurda.

 

Chiunque abbia mai investito nella storia del mondo ha perso soldi prima o poi. Lo stesso Buffett ha perso oltre il 50% dalla fine del 2007 all'inizio del 2009 e oltre il 45% dalla metà del 1998 all'inizio del 2000. Essere in un drawdown è la norma, non l'eccezione, ed è il prezzo da pagare in cambio di un lungo periodo più elevato rendimento rispetto a obbligazioni o cash.

 

 

berkshire-drawdowns-1618941880.png

Allora qual  è  la regola numero 1 negli investimenti?

 

È una domanda impossibile, ma se dovessi sceglierne solo uno sarebbe la famosa frase di Peter Lynch:  "sai cosa possiedi e perché lo possiedi".  Perché se non lo fai bene, non manterrai alcun investimento abbastanza a lungo da raccogliere gli enormi benefici del compounding.

 

Puoi avere il miglior portafoglio del mondo ma se non capisci cosa c'è dentro lo abbandonerai al primo segno di guai. E credimi quando ti dico che ci saranno molti momenti difficili (vedi qui e qui ).

 

Il mio obiettivo in questo post è approfondire le allocazioni di azioni / obbligazioni (le partecipazioni di portafoglio più comuni) e, si spera, fornire agli investitori una migliore comprensione di ciò che possiedono e del motivo per cui lo possiedono. 

Cominciamo…

 

1) Perché possiedi azioni

 

Gli investitori possiedono azioni per partecipare alla crescita e all'ingegno di esseri umani e imprese nel tempo. In tal modo, sperano di superare l'inflazione e ottenere un rendimento più elevato. Ha senso, ma cosa significa esattamente l'ultima parte? Superiore a cosa? Quanto più in alto? E perché ti stanno dando questo rendimento più elevato?

 

Per lunghi periodi di tempo le azioni hanno prodotto un rendimento maggiore rispetto alle obbligazioni (4,5% in più all'anno) e sei stato in grado di guadagnare questo rendimento perché sei stato compensato per una maggiore volatilità e maggiori prelievi (a causa  dell'incertezza economica  e  del rischio di crescita ).

 

Dal 1976, un portafoglio azionario al 100% (all'estrema sinistra della tabella in basso) ha avuto il rendimento più elevato (11,8%) con la più alta volatilità (15,0%) e un prelievo massimo (-51%) mentre un portafoglio obbligazionario al 100% (all'estrema destra lato della tabella sottostante) ha avuto il rendimento più basso (7,2%) con la volatilità più bassa (5,2%) e il prelievo quasi più basso (-13%). (1)

 

(1) . Nota: in questo articolo, quando mi riferisco alle azioni, utilizzo l'indice S&P 500 Total Return e quando mi riferisco alle obbligazioni utilizzo l'indice Bloomberg Barclays US Aggregate Bond Total Return. I dati sono rendimenti mensili da gennaio 1976 a febbraio 2021. Ho iniziato nel gennaio 1976 poiché questo è l'inizio del Bloomberg Barclays Index. Fonti dati: Bloomberg / YCharts.

why1-1-1618942750.png

 

Dimostrare che le azioni hanno ottenuto un rendimento maggiore con una maggiore volatilità per lunghi periodi di tempo è la parte facile. La parte difficile è spiegare agli investitori che non sono affatto  garantiti  questo rendimento più elevato, in particolare su periodi di tempo più brevi.

 

E per periodi di tempo più brevi, intendo anche fino a 10 anni. 10 anni, dici, ma è un'eternità. Infatti, ma dall'aprile 2000 al marzo 2010 le azioni sono diminuite del 6% mentre le obbligazioni hanno guadagnato l'84%. E lo hanno fatto con una volatilità del 16% contro il 4% delle obbligazioni.

why2-1618942915.png

La lezione:  il cosiddetto "premio al rischio" delle azioni è  tutt'altro che costante e possono esserci lunghi periodi di tempo in cui è negativo (le azioni perdono denaro con una volatilità maggiore rispetto alle obbligazioni). Capirlo - e intendo davvero comprenderlo - è fondamentale per stabilire aspettative realistiche. Se un investitore non è attrezzato per gestire un grande prelievo (mentale, emotivo o finanziario), non può investire tutto il proprio denaro in azioni. Il che ci porta al prossimo argomento.

 

2) Perché possiedi obbligazioni

 

Se le scorte non fossero mai diminuite, non ci sarebbe stato bisogno di possedere nient'altro. Ma come sappiamo, di tanto in tanto diminuiscono. Dal 1976, ci sono stati 8 anni solari in cui le azioni sono finite al ribasso: 1977, 1981, 1990, 2000, 2001, 2002, 2008 e 2018. In ciascuno di questi anni, le obbligazioni sono finite più alte, attenuando il colpo.

 

why3a-1618944192.png

E maggiore è l'allocazione alle obbligazioni, maggiore è il cuscino ...

why3-1618944183.png

Una posizione in obbligazioni consente agli investitori di resistere meglio ai cali del mercato azionario e, si spera, di riequilibrarsi in azioni a prezzi / valutazioni inferiori. Per gli investitori prossimi al pensionamento o nelle fasi di ritiro anticipato, le obbligazioni svolgono un ruolo più critico poiché la loro tolleranza per un prelievo a breve termine e una maggiore volatilità tende ad essere molto più bassa.

 

Perché le obbligazioni di alta qualità forniscono protezione dal ribasso?

 

Perché non sono guidati dagli stessi fattori fondamentali delle azioni. Le obbligazioni sono guidate dai tassi di interesse (sia livelli assoluti che variazioni) rispetto alla crescita e ai multipli degli utili. In quanto tale, la correlazione complessiva tra obbligazioni e azioni è bassa a 0,20. Durante i mesi di ribasso per le azioni, e questo è fondamentale, la correlazione scende a 0,00.

 

Ciò significa effettivamente che non c'è motivo di aspettarsi che un mese in ribasso nelle azioni si riverserà sulle obbligazioni. I dati sulle prestazioni lo supportano. Dal 1976, durante i mesi di calo delle azioni, le obbligazioni sono aumentate del 60% delle volte. Maggiore è la percentuale di obbligazioni, maggiori sono le probabilità di avere un rendimento positivo quando il mercato azionario è in ribasso

why4-1618944202.png

Noterai anche nella tabella sopra qualcosa di grande importanza: che l'esposizione alle obbligazioni non significa che ci si debba aspettare un rendimento negativo quando le azioni sono in rialzo.

 

In effetti, un portafoglio composto per il 70% da obbligazioni e per il 30% da azioni è in aumento del 90% delle volte quando le azioni sono in rialzo. Ci sono due ragioni per questo: 1) le obbligazioni sono leggermente correlate positivamente (0,23) alle azioni durante i periodi di rialzo per le azioni (fino al 72% delle volte) e 2) l'esposizione azionaria è di gran lunga l'esposizione dominante.

 

Per illustrare questo secondo punto, diamo un'occhiata a una tabella delle correlazioni. Un portafoglio che è equamente suddiviso tra azioni e obbligazioni ha una correlazione 0,95 con le azioni e solo una correlazione 0,50 con le obbligazioni. Si comporterà molto più come il mercato azionario che come il mercato obbligazionario. Questa è spesso una sorpresa per molti, ma dovrebbe essere in qualche modo intuitiva poiché le azioni (in media) hanno 2,9 volte la volatilità delle obbligazioni. La volatilità delle azioni semplicemente travolge il movimento delle obbligazioni. Ecco perché se vuoi / hai bisogno che il tuo portafoglio si muova in modo più direzionale con le obbligazioni che con le azioni, devi avere qualcosa di più vicino a uno split 20/80.

 

why5-1618944223.png

Un ultimo punto sul valore delle obbligazioni in un portafoglio viene dall'osservazione dei cali più ripidi del mercato azionario. Nelle prime 25 maggiori flessioni mensili dell'S & P 500 (ribassi> -6,8%), le obbligazioni avevano una correlazione di -.12 con le azioni e un rendimento medio di + 0,5%. Perché le obbligazioni resistono particolarmente bene durante questi periodi? Tendono a esserci preoccupazioni deflazionistiche durante i grandi cali del mercato azionario, dove le aspettative di crescita sono abbassate ei tassi di interesse tendono a scendere. Il calo dei tassi di interesse aumenta i prezzi delle obbligazioni a breve termine, fornendo una copertura positiva alle azioni (in media) durante i mesi peggiori.

 

La regola numero 1 non basta

 

Sapere cosa possiedi e perché lo possiedi potrebbe essere la regola più importante, ma è solo l'inizio del viaggio di investimento, non la fine.

 

Una volta capito il "cosa" e il "perché" inizia il duro lavoro. Devi avere  fede  che il tuo piano di investimento scelto funzionerà  nel tempo  e avere la  forza d'animo  di restare fedele a quel piano durante i molti periodi in cui "non funziona".

 

why6-1618944227.png

Questo non è un compito da poco poiché noi umani siamo esseri emotivi e abbiamo poca tolleranza per le cose che non funzionano sempre.

 

Ma questa è la sfida per la quale c'è una grande ricompensa alla fine; l'alternativa (un conto di risparmio senza rischi) funziona sempre ma ti lascerà molto meno a lungo termine.

 

Quindi dai un'occhiata al tuo portafoglio oggi e assicurati di sapere cosa possiedi e perché lo possiedi. Quindi chiediti se hai la fede e la forza d'animo per mantenerle nel tempo.

E infine, ricorda che ogni investitore perde soldi, anche il grande Warren Buffett. Questo è il prezzo di ammissione.

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder