@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Vincere il mercato è difficile, anche per i migliori e più brillanti professionisti

2021-02-05 18:35

Fulvio Marchese

Vincere il mercato è difficile, anche per i migliori e più brillanti professionisti

Ormai è inutile spiegare...

Pubblicato il 13/10/2020 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

schermata2021-02-05alle18-34-24-1612546497.png

Ormai è inutile spiegare... 
Credo aver portato talmente tante evidenze di come sia difficile e complicato creare alpha che chi, pur leggendomi (al netto di qualsiasi mia presunzione...), non studia i propri bias e con pervicacia continua a tentare (di comprare, vendere o creare) qualsiasi altra soluzione legata al market timing, al trend following o alla gestione attiva (senza diversificare il rischio gestorio e che per caso non si chiami Jim Simons) non posso che chiamarlo cretino.


https://www.treccani.it/vocabolario/cretino/

Traduzione di Google Chrome di questo articolo


https://www-marketwatch-com.cdn.ampproject.org/.../what...


Vincere il mercato è difficile, anche per i migliori e più brillanti professionisti

Il rendimento della dotazione dell'Università di Harvard è rimasto indietro rispetto al mercato azionario statunitense - di nuovo. Per l'anno fiscale che termina il 30 giugno, la dotazione di Harvard ha prodotto un rendimento del 7,3%, contro un rendimento totale del 7,5% per l'S & P 500 SPX . Questo segna il 12 ° anno consecutivo in cui il portafoglio da $ 42 miliardi è rimasto indietro rispetto all'indice di riferimento. Inoltre, come puoi vedere dalla tabella allegata, la dotazione è rimasta indietro rispetto all'S & P 500 su ciascuno degli orizzonti di 3, 5, 10 e 20 anni.

Sarebbe facile scrivere compiaciuto la performance di Harvard come la punizione a causa di un gruppo di élite che pensano di essere più intelligenti del resto di noi. Ma sarebbe un errore, poiché così facendo perderemmo importanti lezioni di investimento che possono essere tratte dall'esperienza di Harvard:

• La persistenza delle prestazioni è rara: la dotazione di Harvard non è sempre rimasta indietro rispetto al mercato. In effetti, ha prodotto una notevole serie di successi alla fine degli anni '90 e all'inizio degli anni '90. Cumulativamente nei 15 anni fino alla metà del 2008, ad esempio, ha battuto l'indice S&P 500 di oltre cinque punti percentuali annualizzati, meglio di quasi tutti i fondi comuni di investimento gestiti attivamente e gli investitori istituzionali di Wall Street. Anche se le probabilità di produrre quel rendimento di mercato di 15 anni erano molto basse, erano ancora più basse rispetto al fatto che i manager della dotazione sarebbero stati in grado di ripetere quel successo. Piuttosto che reagire in modo compiaciuto, dovremmo tenere a cuore che anche i migliori e i più brillanti non sono in grado di battere costantemente il mercato.

• L' eccessiva sicurezza è un ostacolo: uno dei motivi per cui la persistenza delle prestazioni è rara è che il successo genera eccessiva sicurezza. Non ho una conoscenza approfondita dei manager che gestiscono la dotazione di Harvard, ma sarebbe difficile non lasciare che un alfa annualizzato di 15 anni di oltre cinque punti percentuali vada alla loro testa. Secondo un articolo del 2017 su The Harvard Crimson , il giornale studentesco dell'università, i dipendenti della Harvard Management Company (HMC) - che gestisce la dotazione - "hanno criticato privatamente la cultura lavorativa di HMC definendola 'pigra, grassa e stupida' in una revisione interna del 2015 condotto da McKinsey and Company, accusando il proprio datore di lavoro di fissare benchmark artificialmente bassi e di compensare eccessivamente i propri dirigenti ".

• Il ritorno alla media è una forza potente: un grande contributo al successo di Harvard negli anni '90 e nei primi anni è stata una scommessa importante sul legname. Negli anni successivi la dotazione ha continuato a fare una serie di scommesse esotiche in quello spazio - su qualsiasi cosa, dalle foreste di teak in America centrale ai boschi rumeni. Queste scommesse più recenti non hanno funzionato, portando Harvard a subire perdite superiori a $ 1 miliardo. ( Harvard ha annunciato che stava cedendo la gestione del suo portafoglio di risorse naturali a una società esterna .)

• Ci vogliono molti anni perché l'abilità vinca sulla fortuna: è quasi impossibile, non solo nel breve termine ma anche nel medio termine, sapere se la prestazione è dovuta alla fortuna o all'abilità. La scommessa sul legno di Harvard negli anni '90 è stata un colpo di genio o solo fortuna? Allo stesso modo, le sue perdite negli ultimi anni potrebbero essere solo sfortuna, o i manager avrebbero dovuto saperlo meglio? Per rispondere a queste domande in modo statistico rigoroso, avremmo bisogno di molti più anni, se non diversi decenni, di rendimenti. Nel frattempo, proprio come è importante per i manager di Harvard evitare di diventare troppo sicuri di sé, è importante per noi non attribuire con sicurezza i loro recenti mediocri rendimenti a una mancanza di abilità.

• I fondi indicizzati sono difficili da battere: poiché la dotazione di Harvard non è allocata al 100% alle azioni, l'S & P 500 non è l'unico benchmark con cui dovrebbe essere confrontato. Ma non è nemmeno chiaro se i manager abbiano battuto un benchmark misto. Negli ultimi 20 anni, ad esempio, la dotazione di Harvard è rimasta indietro rispetto a un portafoglio che ha investito il 60% in un fondo indicizzato S&P 500 e il 40% in un fondo indicizzato del mercato obbligazionario statunitense (4,8% annualizzato contro 5,8%, secondo i miei calcoli).

• Il pioniere dei fondi indicizzati John Bogle aveva ragione: dato che i fondi indicizzati sono così difficili da battere, è difficile giustificare il pagamento degli stipendi di un grande staff costoso per gestire la dotazione. Harvard ha preso a cuore questa lezione almeno in parte nel 2017, quando hanno annunciato i licenziamenti di circa la metà del loro staff di 230 persone. Sebbene la dotazione di Harvard sia rimasta indietro rispetto all'S & P 500 nei tre anni fiscali da allora, lo ha fatto meno di quanto non fosse nel decennio precedente al cambiamento. Quindi la sua decisione di licenziare il personale non solo non è costata loro, ma potrebbe aver aiutato.

La linea di fondo? Vincere il mercato azionario è incredibilmente difficile. Negli ultimi 20 anni avresti potuto battere la dotazione di Harvard investendo i tuoi soldi in fondi indicizzati e non facendo nient'altro. È incredibile da contemplare. Quale altra attività nella vita c'è in cui puoi fare meglio del meglio e del più brillante senza fare nulla? 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder