@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Equal Weight vs/ Market Weight

2021-02-04 22:46

Fulvio Marchese

Equal Weight vs/ Market Weight

Non esiste la gestione PASSIVA dei portafogli, sottolineo spesso.

Pubblicato il 16/08/2020 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

schermata2021-02-04alle22-44-51-1612475134.png

Non esiste la gestione PASSIVA dei portafogli, sottolineo spesso.
Ogni scelta è ATTIVA, anche se si utilizzano indici. Studiare e capire quelle che possono diventare "sfumature" importanti possono, nel tempo, fare grande differenza anche di performances.

La maggior parte dei principali indici di borsa sono ponderati in base alla capitalizzazione di mercato delle aziende, il che significa che maggiore è la capitalizzazione di mercato di un titolo, maggiore è la sua ponderazione nell'indice.

Solo come esempio Apple o Microsoft hanno una ponderazione nell'S&P 500 di oltre 100 volte la cinquecentesima società per capitalizzazione dell'indice.

Nell'indice S&P 500 Equal Weight ogni azione "pesa" invece per lo 0,20% del totale: un indice EW deve riequilibrarsi regolarmente (di solito trimestralmente) per mantenere tale ponderazione costante nel tempo.

Storicamente gli indici EW hanno sovraperformato quelli Market Weight. Ma ci sono periodi in cui gli indici MW vanno molto meglio (come durante bolla tecnologica del 2000) e periodi in cui gli indici EW performano molto meglio (come la bolla immobiliare del 2007).

Attualmente i primi cinque titoli dell'S&P 500 (Microsoft, Apple, Amazon, Alphabet e Facebook) costituiscono oltre il 20% dell'indice delle 500 società, che supera la quantità di concentrazione che si è verificata anche al culmine della bolla Dotcom (vedi grafico nei commenti).

Storicamente, la versione dell'indice a parità di peso tendeva ad andare peggio della versione a peso di mercato per diversi anni successivi dopo periodi in cui le prime 5 società avevano una quota minore dell'indice, come la metà degli anni '90 e la metà dell'ultimo decennio . Al contrario, ha avuto la tendenza a sovraperformare in modo significativo nei periodi in cui i primi 5 titoli avevano una concentrazione molto elevata, come l'inizio degli anni '80 e l'inizio degli anni 2000.

Negli ultimi 5-6 anni la sovraperformance degli indici MW (i più conosciuti ed usati anche dagli ETF) è stata, complessivamente nel periodo, di circa il 50% in più degli EW. Anche per l'indice azionario globale, come si evince dal grafico. Ma per la ragione sopraesposta potrebbe valer la pena monitorare uno switch di diversificazione in EW da qui in avanti.

Per la serie "investire è un processo" che va costantemente manutenuto nella costruzione di portafogli efficienti life-strategy.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder