@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Approccio "corretto" all'INVESTIMENTO: Strategia o Prodotto?

2021-01-31 12:46

Fulvio Marchese

Approccio "corretto" all'INVESTIMENTO: Strategia o Prodotto?

Ho sottolineato alcune parole chiave di questo articolo di Leopoldo Gasbarro.

Pubblicato il 02/05/2020 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

schermata2021-01-31alle12-46-07-1612093606.png

Ho sottolineato alcune parole chiave di questo articolo di Leopoldo Gasbarro.

Il sistema finanziario che vende "prodotti" porta persino un Giornalista Finanziario scafato a confondere cosa si intenda per "strategia", per prodotto e per "tattica" (e per chi debba mettere le cose in pratica)?

Personalmente, oggi, non ritengo nemmeno che nel lavoro del consulente finanziario tradizionale ci sia corretta competenza per confezionare strategie!

Me ne sto rendendo conto dopo 40 anni di lavoro, ora che studio solo modelli strategici: ci dovrebbe essere un fornitore competente di modelli strategici (e relativi profondi back-test e stress-test statistici) che il Consulente Finanziario (la cui competenza precipua dovrebbe essere la consulenza ai comportamenti dell'investitore) potrà proporre e mixare per i diversi progetti di vita dei Clienti.

Il tempo dei CF piccoli chimici asset allocators persino con prodotti che costano parecchio senza creare alpha lo ritengo concluso da anni. Questione di specializzazione e competenze, per l'appunto.

P.S.: credo sia oramai chiaro che le performances degli investimenti sono create soprattutto dai mercati e molto raramente da gestori o prodotti: i migliori risultati a lungo termine per rischio/rendimento si sono sin qui realizzati con modelli strategici quantitativi robusti di asset allocation (che abbassano la volatilità complessiva) e protettivi (che riducono la profondità dei drawdown). Questa è l'evidenza statistica.

Chi consiglia gli investitori sulle metodologie e sui modelli strategici da applicare a profili ed esigenze deve essere competente più in psicologia cognitiva che in finanza.

Dulcis in fundo l'abbassamento dei costi complessivi è uno dei punti decisivi da perseguire da chi investe e anche da chi si definisce consulente, per fare veramente gli interessi dell'investitore...


https://www.facebook.com/.../a.16488.../2600276436911948/...


Dà un pò fastidio alle banche, monopoliste della distribuzione dei "prodotti" (talvolta ad alto/altissimo costo), a cui si chiedono, ultimamente, persino "atti di amore",  ma ce ne faremo una ragione.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder