@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Prepararsi per la prossima recessione: sei cose che devi sapere

2021-01-30 21:02

Fulvio Marchese

Prepararsi per la prossima recessione: sei cose che devi sapere

Le recessioni possono essere complicate, incomprese e talvolta addirittura spaventose.

Pubblicato il 10/07/2019 su facebook: vai al post per ulteriori contatti

schermata2021-01-30alle21-01-18-1612036919.png

Le recessioni possono essere complicate, incomprese e talvolta addirittura spaventose. Con l'espansione americana di quasi 10 anni, gli investitori potrebbero chiedersi se la prossima sia dietro l'angolo.

HO PASSATO L'INTERO ARTICOLO PER IL TRADUTTORE DI CHROME A BENEFICIO DI CHI, COME ME, AMA LEGGERE IN ITALIANO. LE IMPRECISIONI MI SEMBRANO TOLLERABILI

https://www.capitalgroup.com/.../guide-to-recessions.html

A nostro avviso, non crediamo che una recessione sia imminente nel 2019. La nostra ricerca indica che è molto più probabile che la prossima recessione sarà nel 2020 o nel 2021. Indipendentemente dai tempi, è comprensibile che l'idea di una eventuale recessione sia inquietante. Ma un'analisi delle ultime 10 recessioni suggerisce che le ritirate economiche potrebbero non essere così negative come potrebbero temere le persone. In questo pezzo, tentiamo di rispondere a queste domande comuni:

Cos'è una recessione?
Cosa causa le recessioni?
Quanto durano le recessioni?
Cosa succede al mercato azionario durante una recessione?
Quali indicatori economici possono avvertire di una recessione?
Quanto siamo vicini alla prossima recessione?

1. Che cos'è una recessione?
Le recessioni sono comunemente definite come almeno due trimestri consecutivi di calo del PIL dopo un periodo di crescita. Più formalmente, il National Bureau of Economic Research (NBER) definisce una recessione come "un significativo declino dell'attività economica diffusa nell'economia, che dura più di qualche mese, normalmente visibile nel prodotto interno lordo (PIL) reale, reddito reale, occupazione , produzione industriale e vendite all'ingrosso-al dettaglio. " In questa guida, useremo le date ufficiali di NBER.

2. Cosa causa le recessioni?
Le recessioni precedenti si sono verificate per molte ragioni, ma in genere sono il risultato di squilibri che si accumulano nell'economia e, in definitiva, devono essere corretti. Ad esempio, la recessione del 2008 è stata causata dall'eccesso di debito nel mercato immobiliare, mentre la contrazione del 2001 è stata causata da una bolla delle attività nei titoli tecnologici.

Sebbene ogni ciclo sia unico, alcune cause comuni di recessione includono l'aumento dei tassi di interesse, l'inflazione e i prezzi delle materie prime. Qualunque cosa che possa danneggiare a sufficienza la redditività aziendale per innescare la riduzione del lavoro può essere anche responsabile.

Quando la disoccupazione aumenta, i consumatori in genere riducono la spesa, il che incide ulteriormente sulla crescita economica, sugli utili societari e sui prezzi delle azioni. Questi fattori possono alimentare un circolo vizioso negativo che fa crollare un'economia.

3. Quanto durano le recessioni?
La buona notizia è che le recessioni in genere non sono molto lunghe. La nostra analisi di 10 cicli dal 1950 mostra che le recessioni sono durate da otto a 18 mesi, con una durata media di circa 11 mesi. Per quelli direttamente colpiti da perdita del lavoro o chiusure di lavoro, che può sembrare un'eternità. Ma gli investitori con un orizzonte di investimento a lungo termine sarebbero meglio serviti guardando al quadro completo.

Le recessioni sono punti relativamente piccoli nella storia economica. Negli ultimi 65 anni, gli Stati Uniti sono stati in una recessione ufficiale meno del 15% di tutti i mesi. Inoltre, l'impatto economico netto della maggior parte delle recessioni è relativamente ridotto. L'espansione media ha aumentato la produzione economica del 24%, mentre la recessione media ha ridotto il PIL di meno del 2%. I rendimenti azionari possono persino essere positivi per l'intera durata di una contrazione, poiché alcuni dei più forti rally azionari si sono verificati durante le ultime fasi di una recessione.


4. Cosa succede al mercato azionario durante una recessione?
Anche se una recessione non sembra imminente, non è mai troppo presto per pensare a come uno potrebbe influenzare il tuo portafoglio. Questo perché i mercati orso e le recessioni di solito si sovrappongono, a volte, con azioni che conducono il ciclo economico di sei o sette mesi durante la discesa e di nuovo in aumento.

Durante una recessione, il mercato azionario continua tipicamente a ridursi bruscamente per diversi mesi. Quindi, in genere, affiora circa sei mesi dopo l'inizio di una recessione, e di solito inizia a manifestarsi prima che l'economia ricomincia a canticchiare. (Ricorda, queste sono medie di mercato e possono variare ampiamente tra i cicli).

Le mosse aggressive dei tempi di mercato, come lo spostamento di un intero portafoglio in denaro, possono ritorcersi contro. Alcuni dei rendimenti più forti possono verificarsi durante le ultime fasi di un ciclo economico o immediatamente dopo un fondo di mercato. Spesso è meglio restare investiti per evitare di perdere la ripresa.


5. Quali indicatori economici possono mettere in guardia da una recessione?
Non sarebbe bello sapere in anticipo quando arriverà una recessione? Nonostante l'impossibilità di individuare l'esatto inizio di una recessione, ci sono alcuni segnali generalmente affidabili che vale la pena osservare da vicino in un'economia a ciclo tardo.

 

Molti fattori possono contribuire a una recessione e le cause principali spesso cambiano. Pertanto, è utile esaminare diversi aspetti dell'economia per valutare meglio dove si possono costruire eccessi e squilibri. Tieni presente che qualsiasi indicatore deve essere visualizzato più come un indicatore di miglio rispetto a un segno di distanza a destinazione.

Quattro esempi di indicatori economici che possono mettere in guardia da una recessione includono la curva dei rendimenti, i profitti delle imprese, il tasso di disoccupazione e l'inizio delle abitazioni. Anche le metriche aggregate, come il Leading Economic Index® di The Conference Board, sono state costantemente affidabili nel tempo. Evidenzeremo uno dei segnali più noti: la curva dei tassi invertita.

Una curva di rendimento invertita può sembrare una routine di ginnastica elaborata, ma in realtà è uno dei segnali di recessione più accurati e ampiamente citati. La curva dei rendimenti si inverte quando i tassi a breve termine sono più alti dei tassi a lungo termine.

Questo segnale di mercato ha preceduto ogni recessione negli Stati Uniti negli ultimi 50 anni. I tassi a breve termine aumentano tipicamente durante i cicli di restrizione della Fed. I tassi a lungo termine possono scendere quando c'è una forte domanda di obbligazioni. Una curva dei rendimenti inversa è un segnale ribassista, perché indica che molti investitori si stanno spostando verso il presunto rifugio sicuro di obbligazioni governative a lungo termine piuttosto che acquistare attività più rischiose.

Nel mese di dicembre 2018, la curva dei rendimenti tra titoli del Tesoro USA a due e cinque anni è stata invertita per la prima volta dal 2007. A fine marzo, anche la curva tra Treasury trimestrali e decennali si è invertita. Ma altre parti della curva - come i rendimenti comunemente riferiti a due anni / dieci anni - non sono state finora invertite.

Anche una curva di rendimento invertita in tale intervallo non è causa di panico immediato, in quanto in genere si è verificato un ritardo significativo (16 mesi in media) prima dell'inizio di una recessione.

6. Quanto siamo vicini alla prossima recessione?
Gli indicatori economici sono un modo per prendere la temperatura dell'economia statunitense. Una o due letture negative potrebbero essere prive di significato. Ma quando diversi indicatori chiave iniziano a lampeggiare in rosso per un periodo prolungato, l'immagine diventa più chiara e molto più significativa. A nostro avviso, quel momento non è ancora arrivato.

Sebbene alcuni squilibri si stiano sviluppando, non sembrano abbastanza estremi da far deragliare la crescita economica nel breve periodo. Il colpevole che alla fine affonda l'attuale espansione potrebbe un giorno essere ovvio: l'aumento dei tassi di interesse, l'inflazione più elevata o livelli di debito insostenibili possono essere i principali fattori scatenanti.

Questi eventi, se continuano, suggeriscono che l'economia potrebbe indebolirsi nei prossimi due anni, ponendo all'orizzonte una recessione del 2020. Ma non siamo ancora lì.

La difficoltà intrinseca nel predire il punto di partenza di una recessione mostra il motivo per cui di solito è imprudente fare mosse di portafoglio aggressive per tentare di cronometrare il mercato. La prossima recessione arriverà alla fine. Secondo i nostri modelli, potrebbe essere nel prossimo anno o due. Indipendentemente da quando inizia, la migliore preparazione è quella di garantire che il tuo portafoglio sia ben bilanciato e progettato per soddisfare i tuoi obiettivi finanziari a lungo termine. Per qualsiasi domanda, rivolgiti al tuo consulente per gli investimenti.

L'Indice composito 500 di Standard & Poor's è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato basato sui risultati di circa 500 azioni ordinarie ampiamente detenute. L'S & P 500 è un prodotto di S & P Dow Jones Indices LLC e / o delle sue affiliate ed è stato autorizzato per l'uso da Capital Group. Copyright © 2019 S & P Dow Jones Indices LLC, una divisione di S & P Global e / o delle sue affiliate. Tutti i diritti riservati. La ridistribuzione o la riproduzione totale o parziale sono proibite senza il permesso scritto di S & P Dow Jones Indices LLC.

L'indice Bloemberg Barclays US Aggregate rappresenta il mercato obbligazionario statunitense a tasso fisso investment grade. Bloomberg® è un marchio di Bloomberg Finance LP (collettivamente con i suoi affiliati, "Bloomberg"). Barclays® è un marchio di Barclays Bank Plc (collettivamente con le sue affiliate, "Barclays"), utilizzato su licenza. Né Bloomberg né Barclays approva o approva questo materiale, garantisce l'accuratezza o la completezza di tutte le informazioni contenute nel presente documento e, nella misura massima consentita dalla legge, non avrà alcuna responsabilità per danni o lesioni derivanti da tale rapporto.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder