@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

Perchè 10 anni non bastano (per investimenti che prevedano l'azionario - in percentuali congrue oltre il 30%)

2021-01-30 16:23

Fulvio Marchese

Perchè 10 anni non bastano (per investimenti che prevedano l'azionario - in percentuali congrue oltre il 30%)

Il bull market dell'S&P più lungo del dopoguerra ha compiuto 10 anni sabato scorso, 9 marzo 2019.

Pubblicato il 11/03/2019 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

schermata2021-01-30alle16-22-05-1612020163.png

Perchè 10 anni non bastano (per investimenti che prevedano l'azionario - in percentuali congrue oltre il 30%).

Il bull market dell'S&P più lungo del dopoguerra ha compiuto 10 anni sabato scorso, 9 marzo 2019.

Quando sui miei post postulo pianificazioni "life strategy" che superano, persino, i 20 o 30 anni, sono spesso preso in giro persino da miei colleghi: "nessun Cliente resiste o acquista orizzonti temporali così lunghi", mi hanno apostrofato alcuni.

I meccanismi quantitativi, statistici e matematici per investire in azionario non saranno MAI acquisiti da un "normale" Risparmiatore o da un promotore-pseudo consulente finanziario-venditore. D'altronde i rendimenti del mercato economico, quindi delle borse e delle azioni, hanno necessità di decenni per essere "catturati" con coerenza. E hanno bisogno di portafogli pianificati proprio con regole QUANTITATIVE, STATISTICHE E MATEMATICHE. Secondo me e secondo tutti i miei confronti effettuati su migliaia di portafogli, centinaia di gestori e decine di strategie, in oltre 4 decenni di lavoro mai "meno che curioso"!

Le performances a 3 mesi o ad 1 anno contano qualcosa? Certo: se non correttamente inquadrate in un lungo processo di confronto e ribilanciamenti tra assets sistemici, contano per far perdere la possibilità di ottenere rendimenti medi annui composti che a lunghissimo termine non sono mai scesi, nell'ultimo secolo, sotto il 4-5% al netto dell'inflazione, rolling a 20 anni, nella realtà e in tutti i back test, applicando con coerenza (e costi corretti) questi approcci quantitativi a rischio sistemico così "difficili da digerire".

Questo grafico è, secondo me, illuminante. Chi avesse investito in S&P il 9 marzo 1999, 10 ANNI FA sarebbe stato "sotto" (e senza contare i costi) del 37%.

Basta a chiarire che non ci si improvvisa Investitori, Scommettitori (e nemmeno Consulenti Finanziari Professionisti)?

A chi investisse oggi in modo improvvisato e non strategico per guadagnare in fretta, senza conoscere e studiato quali siano i meccanismi statistici alla base della creazione delle performances di lungo periodo, si ricordi questo "caso": in fondo è "solo" di 10 anni fa!

Le performances, talvolta a 2 cifre, di breve (che qualcuno persino sbandiera in questo inizio anno 2019) sono, più che normalmente, più ascrivibili al caso ed alla fortuna di un mercato o congiuntura favorevole, senza manco sapere il perchè, che a capacità gestionali o consulenziali. 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder