@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

L'articolo DEFINITIVO

2021-01-30 12:47

Fulvio Marchese

L'articolo DEFINITIVO

Caspita! Questo è quello "definitivo"

Pubblicato il 12/01/2019 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

Sapete quando si vede o si legge qualcosa che ti fa pensare: "Caspita! Questo è quello "definitivo", l'epitaffio che chiude l'ultimo test di una lunga ricerca, ciò che permette di insegnare alle generazioni future... a non compiere i "nostri errori" (sulla pianificazione degli investimenti, in questo caso)".

Ringrazio Bernardini Vincenzo, sempre fonte di ispirazione con le sue pertinenti pubblicazioni, per averlo recensito su Linkedin (a proposito, perchè sono "inibiti" i commenti sui Tuoi post su Linkedin?) ...e, così, per la redazione di questo post vado ad aumentare la già lunga lista di aperitivi e cene che pagherò (visto tutto il fatturato che produco con gli ormai appassionati followers)!

schermata2021-01-30alle12-46-07-1612007207.png

Il "bias della recency", ci porta ad estrapolare nel futuro il bene o il male che stiamo vivendo nel momento. Ciò distorce le nostre aspettative - nel bene e nel male - e distorce la nostra visione.

Ma c'è una notevole eccezione al bias della recency: il periodo in cui il nostro portafoglio subisce una perdita significativa. Indicato come "avversione alla perdita", questo sentimento è anche abbastanza reale. Alla gente semplicemente non piacciono le grandi perdite. Caso in questione: avete dimenticato, Voi e/o i vostri clienti, sul 2008?

Pertanto, una recente perdita del valore del portafoglio può innescare sia l'inclinazione alla recency che l'avversione alla perdita e questo può portare persino a "vendere tutto". Nel peggiore dei casi, questo tipo di ciclo di paura può causare il caos se i piani a lungo termine vengono abbandonati.

Nel grafico chiamato "Big Picture" vediamo un riepilogo dei rendimenti annuali di sette classi di attivi principali (indici) negli ultimi 49 anni - oltre a due portafogli. Il primo portfolio includeva tutti e sette gli indici in allocazioni uguali; il secondo era un portafoglio 60/40 composto da 60% di azioni statunitensi e 40% di obbligazioni statunitensi. Entrambi i portafogli sono stati ribilanciati ogni anno durante i 49 anni di analisi dal 1970 al 2018. Le perdite per anno civile di ciascun indice e entrambi i portafogli sono in rosa. Sono queste SCATOLE ROSA che mettono alla prova la determinazione degli investitori. Ma, come si può vedere, le perdite sono relativamente poco frequenti.

Ad esempio, nel corso dei 49 anni dal 1970 al 2018, le azioni statunitensi a grande capitalizzazione hanno prodotto rendimenti nominali annuali positivi nell'anno di valutazione nell' 80% dei casi e hanno generato un rendimento annualizzato medio del 10,21%. Se consideriamo l'impatto dell'inflazione, le azioni statunitensi a grande capitalizzazione hanno avuto rendimenti reali positivi il 71% delle volte e un rendimento annualizzato medio post-inflazione (o reale) del 6,00%.

In confronto, il cash statunitense (misurato dai "bot" del tesoro a 90 giorni) aveva un rendimento annualizzato medio nei 49 anni del 4,80% e rendimenti annuali nominali positivi nel 100% delle volte. Tuttavia, dopo aver considerato l'impatto dell'inflazione (misurato dall'IPC), il rendimento medio reale è stato dello 0,80% e i rendimenti annuali reali positivi solo per il 57% delle volte.

Ancora più importante, consideriamo le prestazioni dei due portafogli.

In primo luogo, il portafoglio delle sette attività equiponderate ha avuto rendimenti nominali positivi per l'86% delle volte e un rendimento annualizzato medio di 49 anni del 9,48%. Dopo che l'inflazione è stata scartata, il rendimento reale annualizzato medio è stato del 5,30% con rendimenti reali positivi per il 73% delle volte.

Il portafoglio 60/40 aveva rendimenti nominali dell'anno solare positivi per l'80% del tempo e un rendimento sui 49 anni inferiore di 5 bps al 9,43%. Dopo l'inflazione, il portafoglio 60/40 ha registrato rendimenti positivi per il 71% delle volte e un rendimento reale del 5,25%.

Questa informazione mette in prospettiva le prestazioni per quasi cinquant'anni.

La performance storica a 49 anni delle azioni statunitensi a grande capitalizzazione è rappresentata dall'indice S & P 500, mentre la performance delle azioni statunitensi a piccola capitalizzazione è stata catturata utilizzando l'indice Ibbotson Small Companies dal 1970-1978 e l'indice Russell 2000 dal 1979- 2018.

La performance dei titoli azionari non statunitensi è rappresentata dall'Indice EAFE Morgan Stanley Capital International Index (Europa, Australasia, Estremo Oriente). Le obbligazioni statunitensi sono rappresentate dall'Independent Term Bond Index di Ibbotson dal 1970 al 1975 e dall'Indice Barclays Capital Aggregate Bond dal 1976-2018.

Alla fine del 2008, gli indici Lehman Brothers sono stati rinominati in "Barclays Capital".

La performance storica del cash è rappresentata da buoni del Tesoro trimestrali. La performance degli immobili è stata misurata utilizzando i rendimenti annuali dell'indice NAREIT (Associazione nazionale dei fondi comuni di investimento immobiliare) dal 1972 al 1977 (i rendimenti annuali per il 1970 e il 1971 si basavano su ricerche di Chan, Erickson e Wang nel libro "Società di investimento immobiliare: struttura, performance e opportunità di investimento", tabella 2.2).

Dal 1978-2018 sono stati utilizzati i rendimenti annuali dell'indice Dow Jones US Select REIT (prima di aprile 2009 era l'indice Dow Jones Wilshire REIT). Infine, la performance storica delle materie prime è stata misurata dal Goldman Sachs Commodities Index (GSCI). A partire dal 6 febbraio 2007, il GSCI divenne noto come S & P GSCI.

C'è un'osservazione chiave che non dovrebbe essere oscurata da così tanti dati: ogni indice (cioè la classe di attività) che stiamo valutando, ha avuto un anno solare positivo oltre il 68% delle volte (in base ai rendimenti nominali) e almeno il 57% del tempo se si utilizzano i rendimenti "reali" corretti per l'inflazione. Ancora più importante, i due portafogli che stiamo valutando hanno avuto rendimenti reali nell'anno solare positivo almeno il 71% delle volte.

Avere una chiara comprensione delle performance delle classi di attività a lungo termine (come dimostrato in "Big Picture") può ridurre al minimo l'impatto potenzialmente negativo dell'errore di recency durante e dopo periodi di volatilità del mercato, in particolare quando la volatilità si traduce in perdite di portafoglio.

La realtà è che un portafoglio ampiamente diversificato genererà rendimenti nominali positivi quasi il 90% del tempo nel tempo misurato in decenni, non in mesi. Ovviamente, una persona che investe in un portafoglio diversificato per due anni non dovrebbe aspettarsi rendimenti positivi nel 90% dei 24 mesi. Anche un portafoglio diversificato può registrare due rendimenti annuali consecutivi negativi, come nel 2001 e nel 2002.

In sintesi, le impressionanti prestazioni delle classi di attività e dei portafogli in questo studio hanno una durata di 49 anni. Detto diversamente, i risultati a lungo termine richiedono molto tempo per replicarsi. La chiave per ottenere risultati a lungo termine è rimanere in sella per molto tempo.

La sfida è il nostro istinto naturale di evitare le perdite (avversione alla perdita) e la nostra tendenza a enfatizzare eccessivamente ciò che abbiamo sperimentato più recentemente (bias di recency).

"Non puoi vincere se hai paura di perdere"!

La soluzione per contrastare i bias della recency è un'accurata informazione e una giusta prospettiva


insomma: D E F I N I T I V O, secondo me...
p.s.: ovviamente tutti i riferimenti numerici per un Investitore in $


liberamente tradotto da Chrome e da me rivisto, tratto da:

https://www.financial-planning.com/.../best-portfolio... 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder