@ All Right Reserved 2020

Fulvio Marchese


​Life-strategy Investment Planning

Verification - Risk Assessing / Portfolio


Return ​Training and Financial Planning


facebook
instagram
twitter
linkedin

I sogni, i tentativi, le capacità... E la dura realtà!

2021-01-25 20:45

Fulvio Marchese

I sogni, i tentativi, le capacità... E la dura realtà!

Ho sommato le 16 performance migliori e peggiori di ogni anno, nonché le 16 performance del Portafoglio diversificato.

Pubblicato il 22/10/2016 su facebook: vai al post per ulteriori commenti

schermata2021-01-25alle20-44-03-1611603878.png

In questa foto presa dal sito di Charles Schwab (big americano dell'investimento on-line che ha lanciato gli "Schwab Intelligent Portfolios" su piattaforma robot-advisor con un taglio minimo di soli 5.000 $) 16 anni di performance delle principali asset class.

In rilievo le performance di un PORTAFOGLIO DIVERSIFICATO con "media" rischiosità formato da questi indici:

25% Core Bonds
24% Azionario USA
21% Azionario Internazionale
10% US Corporate HY Bonds1% US Inflation Protected Securities
5% Bonds Internazionali Paesi Sviluppati
5% Em. Markets Bonds
5% Cash
4% Commodities
1% US Inflation Protected Securities

Ho sommato le 16 performance migliori e peggiori di ogni anno, nonché le 16 performance del Portafoglio diversificato.

SE&O
le 16 migliori perf. sommano 505,8% diviso 16 = +31,61%

il Portafoglio Diversificato 85,2% diviso 16 = +5,32%

le 16 peggiori perf. sommano -263% diviso 16 = -16,43%%

Traggo, per me, un paio di insegnamenti logici:

1) Cercare di avere il capitale investito sempre nella migliore asset class è PERICOLOSISSIMO. Se la "scommessa" non fosse vinta si potrebbe arrivare al paradosso (mica tanto paradosso) di perdere TUTTO IL CAPITALE.

2) l'IRR del Portafoglio Diversificato (chi vuole può calcolarlo finemente) è di circa il 4% annuo, in dollari, per un portafoglio "bilanciato": chiunque abbia gestito portafogli nel periodo in esame "sa", dando come assunto l'equilibrio tra $ ed EUR, che è raramente stato raggiunto questo risultato. (Il paradosso della concentrazione in BTP italiani è stato, quello si, un paradosso non più replicabile).

3) I dati della tavola di Charles Schwab sono indici. Il costo quindi della gestione attiva degli stessi (tra 1,5% e 2,5% medio in Italia) sarebbe stato componente decisiva.

http://insights.schwab.com/.../patience-plate-how... 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder